Serracchiani: “Rotazione dei dirigenti per prevenire la corruzione”

Tecnica_logo15

Reginaldo Palermo,   La Tecnica della scuola   Lunedì, 08 Giugno 2015.   

Una permanenza troppo prolungata di un dirigente pubblico nella stessa sede di servizio crea pericolose situazioni di familiarità.

turnover3A

Sulla ipotesi che i dirigenti scolastici restino in servizio nella stessa scuola per non più di uno o due “mandati” (ciascuno di tre anni), interviene – seppure indirettamente – Debora Serracchiani (PD), presidente della regione Friuli-Venezia Giulia.
La Serracchiani non parla nello specifico dei dirigenti scolastici ma affrontando il tema del funzionamento della macchina amministrativa afferma:  “Tra le misure per prevenire la corruzione c’è anche quella della rotazione dei livelli dirigenziali nella pubblica amministrazione. E’ una sfida prettamente culturale che deve investire tutta la società”.
Secondo la presidente del Friuli-Venezia Giulia per contenere i fenomeni di illegalità nella Pubblica amministrazione bisogna lavorare per fare in modo che le regole siano rispettate.
E, oltre alla semplificazione normativa, bisogna anche prevedere che“nessun funzionario pubblico debba ricoprire a lungo lo stesso incarico perchè nella migliore delle ipotesi nel tempo si creano delle situazioni di familiarità e quindi – conclude Serrecchiani – penso che il sistema della rotazione costante e continua dei dirigenti sia uno strumento importante”.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl