Si annuncia un avvio critico del prossimo anno scolastico

tuttoscuola_logo14

TuttoscuolaNews,  n. 689 del 27.4.2015.

caos-1c

Tuttoscuola l’aveva messo in conto quasi due mesi fa, ma ora è ormai certo: l’avvio del prossimo anno scolastico sarà quasi un calvario per le scuole italiane, a causa del ritardo di approvazione definitiva della legge sulla Buona Scuola. Ritardo inevitabile anche se si decidesse in extremis di spacchettare il piano di assunzioni, benché il sottosegretario Faraone assicuri: “abbiamo calcolato tutto, ce la faremo”.

I 101 mila docenti che saranno assunti, con ogni probabilità arriveranno verso Natale e potrebbero avere la nomina con decorrenza giuridica dal 1° settembre 2015 ed effettiva dal momento della presa di servizio.

Sui posti vacanti e disponibili dovranno essere nominati supplenti fino all’arrivo dell’avente titolo (cioè i 101 mila), interrompendo in modo generalizzato la continuità didattica.

A dir la verità tutto questo già avviene ogni anno, ma questa volta potrebbe riguardare la totalità dei territori. E potrebbe esserci di peggio.

Nelle grandi città metropolitane, dove le procedure di nomine hanno ormai cronicamente tempi lunghi, i supplenti nominati al 1° settembre sono spesso quelli delle graduatorie di istituto, in attesa dei supplenti nominati dagli ex-provveditorati agli studi (USP) dalle graduatorie provinciali.

In questi casi vi potrebbero essere in successione più nomine di supplenti fino all’arrivo dell’avente titolo: prima i supplenti nominati dal dirigente scolastico, poi quelli nominati dall’USP e poi i nuovi immessi in ruolo. In barba alla continuità didattica.

Potrebbe quindi essere un avvio d’anno scolastico connotato da criticità di assestamento, a cui dovrà aggiungersi l’impegnativa elaborazione del piano triennale per l’utilizzo efficace dell’organico aggiuntivo funzionale.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl