Smartphone in classe: “Offende i docenti e distrae gli alunni”

Tecnica_logo15B

Luca Protettì, La Tecnica della scuola  5.10.2017

“Lo smartphone in classe non funziona come strumento per l’apprendimento ma serve solo a mancare di rispetto agli insegnanti”. Così Adolfo Scotto Di Luzio, professore di Storia della Pedagogia all’Università degli Studi di Bergamo, intervenuto al convegno promosso dalla Gilda degli Insegnanti e dall’Associazione Docenti Art.33 nell’ambito della Giornata Mondiale dell’insegnate.

“La scuola democratica oggi in Italia è profondamente in crisi perché è stata sdradicata dal suo terreno formativo. La scuola nasce per qualificare culturalmente il cittadino mentre oggi é diventata un affare delle famiglie ed è fatalmente destinata a riprodurre le spaccature della società. Altri problemi – aggiunge Scotto Di Luzio – derivano da questa necessità assurda di digitalizzazione che porta all’introduzione dello smartphone in classe che non ha alcuna valenza educativa ma serve soltanto a restituire agli studenti le loro differenze sociali, distrarli  e mancare di rispetto agli insegnati. Sicuramente la scuola oggi non ha bisogno di studenti insolenti e distratti”. 

.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl