Supplenze fino all’avente diritto. Cosa accadrà dopo il 20 ottobre, caso particolare esonero collaboratore

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola,  2.10.2015.  

PC-tastiera5a

Le scuole proseguono le nomine per supplenze fino all’avente diritto (alcune correttamente, altre mal interpretando la normativa). Una situazione di stabilità a livello contrattuale non potrà essere definita prima del 20 ottobre.

Data, quella del 20 ottobre, che non può neanche essere interpretata come spartiacque assoluto, in quanto non è detto che tutte le scuole riescano a stampare le graduatorie proprio in quella giornata indicata dalla nota Miur del 27 agosto 2015.

In ogni caso sarà la data a partire dalla quale potremo avere le prime graduatorie di istituto aggiornate per l’a.s. 2015/16. L’aggiornamento riguarda

  • inserimento specializzati sostegno in I e II fascia
  • creazione elenco aggiuntivo alla II fascia
  • ripubblicazone III fascia con cancellazione dei nominativi che hanno acquisito l’abilitazione entro il 1° agosto 2015.

A questo punto le segreterie scolastiche dovranno scorrere nuovamente le graduatorie al fine di sostituire l’insegnante nominato fino ad avente diritto con chi assumerà l’incarico, sia esso di supplenza temporanea o fino al 30 giugno/31 agosto.

Per le supplenze su sostegno ricordiamo la nota del 2011 secondo la quale, in carenza assoluta di aspiranti specializzati i dirigenti scolastici, in considerazione della particolare tutela della continuità didattica in favore degli alunni disabili, provvederanno alla conferma definitiva sui predetti posti di sostegno del docente privo di titolo già in servizio sui posti in questione con contratto in attesa dell’avente titolo.

In ogni caso si sfati la falsa credenza che l’avente diritto debba provenire dalla fase C delle assunzioni. Fase C: i posti devono ancora essere “creati”. Nessun pericolo per le supplenze assegnate

Supplenza fino ad avente diritto per esonero o semiesonero Collaboratore Dirigente Scolastico. Qui la situazione è più complessa, e data l’eccezionalità del caso, richiederebbe una precisazione ministeriale. Sappiamo infatti che solo in questo caso l’avente diritto sarà il docente nominato, per quella classe di concorso, nella fase C del piano straordinario di immissioni in ruolo.

E dunque, l’avente diritto non arriverà prima della fine di novembre. A questo punto cosa conviene fare? Scorrere nuovamente le graduatorie di istituto per sostituire un supplente fino ad avente diritto con un altro con lo stesso status giuridico, ma forse con qualche diritto in più, o attendere direttamente il vero avente diritto da fase C?

Noi, per ragioni di salvaguardia della continuità didattica, propenderemmo per la sostituzione solo con l’avente diritto da fase C. Si consideri infatti che molte scuole adottano la scansione del periodo temporale di attività in trimestre e pentamestre, o propongono pagellini intermedi, per cui è sempre bene pensare anche a forme di tutela degli studenti (nei limiti della normativa).

A questo punto, se tutto procederà correttamente, agli inizi di novembre le supplenze da graduatoria di istituto potrebbero essere già assegnate. In ritardo rispetto alle prospettive di una Buona Scuola in cui non ci dovrebbero essere intoppi, ma sicuramente in anticipo rispetto agli anni precedenti.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl