Troppi sms = voti più bassi a scuola. Ma solo per le ragazze: ecco perché

Corriere-scuola_logo14

di Caterina Belloni,  Il Corriere della Sera  10.10.2015.  

A parità di numero di messaggi, i maschi si scambiano solo informazioni di servizio,
le femmine si angosciano per una faccina scura. E il rendimento cala

sms11Che un adolescente ossessionato da cellulare e sms possa andare male a scuola è una convinzione radicata più o meno in tutti i genitori. Ma adesso una ricerca americana conferma questa tesi sottolineando che ad avere le conseguenze più gravi in termini di rendimento sono le ragazze. A parità di messaggi inviati – dicono gli esperti – le femmine finiscono per diventare più distratte e meno efficienti, con l’esito immediato di voti ridotti e note aumentate. I ricercatori dell’American Psychological Association che hanno messo a fuoco questa differenza hanno lavorato presso il Delaware Community College e hanno analizzato il comportamento di 211 ragazze e 192 ragazzi tra i 13 e i 16 anni di questa scuola nelle campagne del Midwest americano. Stesse origini, analoghe abitudini di vita, uguale dipendenza dai mezzi tecnologici. I componenti del campione partivano alla pari, ma alla fine sono state le ragazze ad ottenere i voti peggiori, perché si erano lasciate coinvolgere dalla pratica dei messaggini. Le loro valutazioni sono risultate negative, il loro coinvolgimento nella vita accademica si è dissolto, come il senso di appartenenza all’istituzione educativa.
Partite di calcio contro dispetti fra amiche

Secondo Kelly Lister-Landman, uno degli esperti che ha condotto l’analisi, il diverso impatto in termini di risultati scolastici dipende dalla differente ottica con cui si messaggia. Mandare un sms per i maschi significa organizzare questioni pratiche, come l’ora della partita di calcio o l’appuntamento per il cinema, mentre per le ragazze ogni frase digitata rappresenta un investimento dal punto di vista emotivo e sociale. Nel periodo adolescenziale, in particolare, le ragazze tendono a chiudersi in se stesse, a rimuginare sulle singole parole, a lasciarsi ossessionare da quella faccina scura arrivata sul loro account dal numero della migliore amica. Tensioni che vengono accumulate e assorbono tutta l’attenzione, sottraendo energie allo studio e alla concentrazione. Ricerche recenti hanno calcolato che in media un teenager manda e riceve 167 messaggi al giorno e che usa gli sms come principale forma di comunicazione (solo il 40 per cento dei ragazzi usa il telefono per fare delle chiamate). Nello studio pubblicato dalla Associazione americana di psicologia gli esperti precisano che le ragazze sono distratte a vari livelli dai messaggini che ricevono e spediscono e che ciò finisce per avere un contraccolpo significativo sulla resa scolastica. Anche se, a parere degli psicologi, questo dato non basta e sarebbe importante promuovere uno studio su un campione più ampio. Per approfondire soprattutto due aspetti: quali sono le motivazioni che spingono a considerare gli sms come forma privilegiata di socializzazione e condivisione di problemi e sentimenti e definire quale sia l’impatto del multitasking, inteso come abitudine di fare tante cose contemporaneamente, sull’apprendimento e il rendimento accademico.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl