Un prof su tre ha ricevuto il premio

Tecnica_logo15B

Pasquale Almirante,  La Tecnica della scuola  27.12.2016

– Tra Natale e la fine di gennaio, 247.782 docenti italiani, oltre il 35% dell’organico complessivo, si sono visti, o si vedranno, accreditare in busta paga il “famoso” bonus per il merito.

Si tratta dei 200 milioni di euro che la riforma Renzi-Giannini ha destinato, ogni anno, a partire dal 2016, per valorizzare l’impegno e l’operato dei professori: il salto di qualità per il  merito ai più “lodevoli”docenti

Ad opporsi i sindacati per la nuova procedura introdotta, che toglieva la contrattazione per questo salario aggiuntivo. Infatti ogni istituto doveva dotarsi di un comitato di valutazione, composto in prevalenza da insegnanti, con il compito di indicare i criteri per “dare le pagelle”; compito che, poi, materialmente è stato affidato ai presidi che hanno successivamente scelto i docenti  ritenuti meritevoli di un riconoscimento in denaro aggiuntivo rispetto alla normale retribuzione.

Mediamente agli oltre 247mila prof “premiati”, sono stati assegnati tra i 600 euro e i 700 euro, e trattandosi di un premio variabile in alcuni casi la cifra si è rivelata più consistente, mentre in altri è stata più contenuta.

Secondo Il Sole 24 Ore a novembre il Miur ha accreditato alle scuole l’80% dei 200 milioni previsti dalla legge 107 (il restante 20% arriverà più avanti); e le segreterie degli istituti hanno subito attivato le procedure amministrative per accreditare il bonus nei cedolini degli insegnanti individuati.

Ma nelle scuole cosa è successo? Dai dati elaborati dalla direzione generale per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del Miur, che Il Sole 24 Ore è in grado di anticipare, si può dire che, nonostante boicottaggi e polemiche, si è partiti in tutt’Italia: il tanto contestato comitato per la valutazione degli insegnanti è stato istituto nel 99,9% di istituti: in solo 7 scuole non è decollato.

Per selezionare i docenti migliori, precisa sempre Il Sole 24 Ore, sono stati utilizzati tutti i criteri individuati nella “Buona Scuola”, vale a dire si è tenuto conto della qualità dell’insegnamento, dei risultati ottenuti, anche in gruppo, e della progettualità realizzata; e sono state considerate pure le responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo didattico e nella formazione del personale. Circa sei scuole su 10 (il 57%) hanno poi assegnato pesi diversi a questi criteri; e le scelte finali dei comitati sono state adottate quasi nel 100% dei casi all’unanimità.

Certo, nell’assegnazione del “bonus” è stata scelta una manica piuttosto larga: praticamente, scrive Il Sole,  è stato premiato poco più di un docente su tre. Addirittura nel Lazio si è saliti al 47%, in Piemonte al 44%, in Campania al 40% e in Sicilia al 39%, solo per citare alcune regioni tra le più “generose”. Il premio non è stato dato in poco più di 500 scuole; e nel 20% dei casi è stato distribuito “a pioggia”, vale a dire in entità uguale per tutti i docenti selezionati.

Nel report ministeriale non c’è ancora il focus sui singoli insegnanti premiati: se si scoprirà, per esempio, che i soldi aggiuntivi sono andati a tutti prof anziani saremo di fronte, senza girarci troppo intorno, a “scatti d’anzianità mascherati”; discorso diverso invece se emergerà che a essere valorizzati sono stati anche tanti giovani. E sarà importante, pure, vedere se i premi sono andati a un po’ tutto il personale docente, e non solo “a rinforzo” dei fondi già distribuiti a vicepresidi, delegati all’orientamento, e più in generale a chi ha compiti di coordinamento.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl