Valutazione e certificazione scuola secondaria di primo grado

di Antonello Giovarruscio, Superabile, 9.8.2017

– Il Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 62 sulle norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo, entrerà in vigore dal 1 settembre 2017 per la scuola secondaria di primo grado.

L’articolo 5 del Decreto conferma la frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato, ai fini della validità dell’anno scolastico, per la valutazione finale degli alunni. Rientrano nel monte ore personalizzato di ciascun alunno tutte le attività oggetto di valutazione periodica e finale da parte del consiglio di classe. Con delibera del collegio dei docenti possono esserci motivate deroghe al suddetto limite per i casi eccezionali, congruamente documentati, purché la frequenza effettuata fornisca al consiglio di classe sufficienti elementi per procedere alla valutazione. Per gli alunni con disabilità con Piano Educativo Individualizzato (PEI) in cui è prevista una riduzione di orario, la frequenza deve essere calcolata in base all’orario previsto.

L’ammissione alla classe successiva o all’esame conclusivo avviene per delibera del consiglio di classe e nel caso non vi siano sufficienze in alcune discipline la scuola deve attivare specifiche strategie per il miglioramento dei livelli di apprendimento. Per gli alunni con disabilità si fa riferimento al Piano Educativo Individualizzato anche con prove differenziate agli esami che hanno valore equivalente ai fini del superamento dell’esame stesso e del conseguimento del diploma. Le prove differenziate devono essere idonee a valutare il progresso dell’alunno in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali e sono sostenute anche con l’uso di attrezzature tecniche e sussidi didattici, nonché di ogni altra forma di ausilio tecnico necessario.

Agli alunni con disabilità che non si presentano agli esami viene rilasciato comunque l’attestato dei crediti formativi che è titolo idoneo per l’iscrizione alla scuola secondaria di secondo grado o ai percorsi di istruzione e formazione professionale, al solo fine di conseguire altro attestato.

Il Decreto conferma le prove INVALSI nella terza classe per accertare a livello nazionale i livelli di apprendimento in italiano, matematica e inglese, da effettuarsi entro il mese di aprile e quindi cessano di costituire la quarta prova nazionale dell’esame, ma la partecipazione ad esse diviene un requisito di ammissione agli esami anche per gli alunni con disabilità con adeguate misure compensative o dispensative oppure con specifici adattamenti o l’esonero da tali prove.

.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl