Categorie: Insegnanti

Scuola, dalle lezioni a distanza alla quarantena: cosa prevede il nuovo contratto insegnanti

di Teresa Maddonni, Money.it, 29.10.2020.

Scuola, dalle lezioni a distanza alla quarantena: il nuovo contratto integrativo per gli insegnanti cosa prevede? È in via di definizione, ma crea l’ennesima tensione tra sindacati e Miur.

Si parla ancora di scuola con il nuovo contratto per gli insegnanti in occasione del ritorno didattica a distanza, anche parziale.

Punti cruciali del nuovo contratto le ore di lezione dedicate alla Dad, ma anche la quarantena dei docenti. Si tratta dell’integrazione al contratto dei docenti in caso di Dad necessario alla luce del nuovo DPCM che alza al 75% il ricorso alla didattica a distanza per le scuole superiori e che vede, soprattutto da parte dei sindacati, la necessità di una regolarizzazione.

Al momento c’è una bozza e l’integrazione al contratto degli insegnanti non è ancora in vigore dal momento che mancano le firme di Gilda, CGIL, UIL e Snals che rappresentano più della metà degli insegnanti.

A firmare al momento solo Cisl Scuola e Anief. Ieri si sarebbe dovuto tenere l’incontro tra sindacati e la Miur proprio per definire anche alcuni punti dell’integrazione al contratto per gli insegnanti in Dad, ma è stato rinviato ed è previsto per domani venerdì 30 ottobre.

Scuola: cosa prevede il contratto insegnanti

La scuola si ripensa pertanto il nuovo contratto per gli insegnanti in didattica a distanza, l’integrazione, prevede prima di tutto una rimodulazione dell’orario delle lezioni che potranno durare di meno. D’altronde non è nulla di nuovo dal momento che il riferimento è alle linee guida dell’estate sulla didattica digitale integrata.

Nel contratto si stabilisce il ricorso alla didattica a distanza per tutto il perdurare dello stato di emergenza, quindi fino al 31 gennaio 2020 salvo poi successive proroghe. Si stabilisce che la didattica può continuare a distanza attraverso le modalità della didattica digitale integrata, non a caso nuovi fondi sono arrivati con il decreto Ristori, in forma complementare o esclusiva, si legge nella bozza, per garantire la continuità del diritto all’istruzione.

Per quanto riguarda la durata delle lezioni a distanza si stabilisce, tenendo conto delle linee guida di cui abbiamo detto, la possibilità che siano ridotte a 50 o 45 minuti, e che vi siano pause di almeno 15 minuti proprio per il maggior sforzo che per alunni e insegnanti la Dad o Ddi comporta.

Si stabilisce in ogni caso che l’insegnante, anche con l’integrazione del contratto, debba rispettare l’orario di servizio settimanale previsto e garantire le prestazioni connesse all’esercizio del profilo professionale di cui al CCNL vigente.

La quarantena nel contratto integrativo insegnanti

Per quanto riguarda la quarantena nel contratto integrativo degli insegnanti per la didattica digitale integrata o anche didattica a distanza vera e propria si stabilisce che questa possa essere svolta dal docente in quarantena fiduciaria o in isolamento esclusivamente per le proprie classi in quarantena anche queste. Questo non vale nel caso di malattia certificata.

Nel caso in cui un docente sia in quarantena, ma la propria classe no, allora questo può procedere con la didattica a distanza, ma un altro insegnante dovrà essere in presenza con la classe che necessita pertanto di sorveglianza. Immaginiamo che per questa esigenza si possa utilizzare il personale docente in più Covid.

Per maggiori dettagli e conferme occorrerà attendere l’ufficialità del contratto integrativo per gli insegnanti che immaginiamo possa arrivare dopo l’incontro di domani tra sindacati e Miur. In particolare a richiedere l’incontro è stata la Flc CGIL, che con UIL, Snals e Gilda non ha firmato il contratto degli insegnanti.

.

.

.

.

.

.

.

 

Scuola, dalle lezioni a distanza alla quarantena: cosa prevede il nuovo contratto insegnanti ultima modifica: 2020-10-30T04:51:15+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Ancora una sentenza del Tribunale di Catania sui docenti sanzionati per non aver compilato il registro elettronico

InfoDocenti.it, 4.12.2020. Ancora una sentenza del Tribunale di Catania sul caso dei docenti dell’Istituto Quirino  Maiorana…

23 minuti fa

Covid, i docenti non sono obbligati a fare il tampone

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 4.12.2020. Chi insegna a scuola può rifiutarsi di sottoporsi…

2 ore fa

Convocazioni docenti per riunioni in presenza non sono legittime

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 4.12.2020. Alcune scuole in Veneto hanno emanato delle circolari,…

2 ore fa

DPCM scuola: tutte le misure in vigore fino al 15 gennaio

La Tecnica della scuola, 4.12.2020. Nuovo Dpcm 3 dicembre, il testo è in Gazzetta Ufficiale:…

2 ore fa

Valutazione alunni primaria, giudizi descrittivi al posto del voto

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 4.12.2020. Pubblicate Ordinanza e Linee Guida. Sono 4 i…

2 ore fa

GPS. Sesta convocazione da 2 fascia per le secondarie di I e II grado

USR  per il Veneto, Ufficio I, A.T. di Venezia,  4.12.2020. Scadenza entro e non oltre…

9 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy