Storia, geografia, il mondo complesso e i cinguettii

di Gianfranco Mosconi  metro news  14.10.2015.  

ROMA – Libia, Siria, Ucraina, la Cina nuova superpotenza, i nuovi equilibri geopolitici: eventi un tempo remoti incidono sempre più sulle nostre vite quotidiane. È evidente: in questo mondo sempre più interconnesso (anche dolorosamente), la Geografia è disciplina fondamentale nella formazione del futuro cittadino.

Ma lo stesso vale per la Storia, non «scienza del passato», ma «scienza degli uomini nel tempo» (Marc Bloch), che è chiave di lettura per tante realtà contemporanee dalle antichissime radici (un esempio: il fondamentalismo islamico), un formidabile modo per riflettere sui complessi meccanismi sociali osservandoli in concreto, e un continuo stimolo a ragionare sul rapporto fra verità e menzogna.

Purtroppo, l’ignoranza, anzi l’inconsapevolezza critica, storica e geografica, degli attuali studenti è abissale. Non è solo un problema di ignoranza fattuale: provate a chiedere a studenti delle superiori di ragionare in chiave critica su un fenomeno storico, a riflettere su come ogni “notizia” debba essere soggetta ad analisi.

Ma ciò non interessa ai nostri politici, la cui inconsapevolezza storico-geografica è nota.

Già la riforma Gelmini ha tagliato le ore per la Geografia e la Storia. Ora la legge 107 (la “Buona Scuola”), pur non intervenendo sulle ore curriculari, introduce l’opzionalità delle materie, affidate ai gusti degli studenti e all’autonomia delle singole scuole (potranno ‘tagliare’ la Storia?).

Soprattutto, la riforma Renzi ha ben altri «obiettivi formativi prioritari» (art. 1, co. 7): cose come il coding (la programmazione informatica), il Clil, l’insegnamento in inglese (altro colpo alla qualità degli apprendimenti, per ovvi motivi), la produzione di video e filmati (ottima cosa, se non vi fossero altre, vere, priorità).

Tutto ciò è più cool della “vecchia” Storia, in linea con un premier che pratica il twitting, trionfo della superficie senza complessità. Ma ci consegna futuri cittadini, che, ignari della realtà contemporanea e della complessità del processo storico, saranno perciò ben manipolabili con pochi cinguettii.

 

Storia, geografia, il mondo complesso e i cinguettii ultima modifica: 2015-10-15T05:12:49+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Storie di ordinaria follia scolastica

Tania Barcellona, Il Punto quotidiano, 8.12.2019 - Ore 7.55 l’insegnante arriva a scuola. Ore 8.00 Firma sul registro cartaceo. Firma…

1 ora fa

No al badge (marcatempo) a scuola, due sentenze. Differenze tra docenti e ATA

Avv. Marco Barone,  Orizzonte Scuola, 18.1.2020 - C’è chi cerca di imporlo e chi lo contrasta. Di cosa stiamo parlando?…

10 ore fa

Superiori. Gli indirizzi di studio eliminati

USR  per il Veneto, Ufficio I, A.T. di Venezia,  17.1.2020 - Istruzione secondaria di II grado – offerta formativa a.s.…

15 ore fa

Riforma Pensioni, Ipotesi quota 102 dal 2022

di Federico Pica, PensioniOggi,  17.1.2020 - L'avvicinarsi della scadenza della sperimentazione della pensione con quota 100 riapre il cantiere sulla previdenza.…

16 ore fa

Come si diventa docenti? Tutte le info utili

di Andrea Carlino,  La Tecnica della scuola, 17.1.2020 - Come si diventa docenti? Una domanda che sempre di più viene posta…

17 ore fa

Diploma magistrale sperimentale ad indirizzo linguistico è titolo di accesso al concorso e alle graduatorie. Risposta Miur

Orizzonte Scuola, 17.1.2020 - Diploma sperimentale a indirizzo linguistico: è titolo valido per l’accesso all’insegnamento nelle scuole di  infanzia e…

17 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy