82 i lavori usuranti; fra questi anche i prof delle primarie

Salgono a 82 le professionalità che grazie alla nuova legge di bilancio e alle modifiche apportate alla normativa sull’Ape sociale potranno beneficiare dell’anticipo pensionistico e lasciare prima del tempo il lavoro.

Alle 27 professionalità comprese in 15 diversi raggruppamenti già previste dalla legge in vigore se ne aggiungono altre 55.

Ci sono sia le prime 30 professioni segnalate dalla commissione sui lavori usuranti presieduta dall’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano sia i cosiddetti codici «rossi» e «bianchi», ovvero mansioni simili a quelle già presenti negli elenchi per un totale di altri 25 mestieri.

Il salto in avanti è considerevole se si pensa che la sola lista dei primi 30 della graduatoria elaborata dalla commissione ministeriale, incrociando i dati di Inps, Inail e Istat relativi a infortuni e malattie professionali, interessava all’incirca 470 mila persone.

In tutto sono 23 i raggruppamenti professionali compresi nella tabella A allegata alla legge di Bilancio che riorganizza gli elenchi dei beneficiari dell’Ape sociale.

Tra le professioni presenti nel nuovo elenco ci sono, oltre alle maestre d’asilo, dal 2022 anche i professori di scuola primaria e assimilati.

Tutte queste persone potranno lasciare in anticipo il lavoro una volta raggiunti i 63 anni di età con 30-36 anni di contributi, a seconda dei casi.

A loro verrà corrisposto un assegno ponte sino al raggiungimento dei requisiti per la pensione piena (67 anni). L’anticipo pensionistico al massimo arriva a 1.500 euro lordi al mese (circa 1.150 netti) per 12 mensilità all’anno.

Per lo Stato si tratta di stanziare in tutto per i prossimi 5 anni (2022-2027) 970 milioni di euro. In dettaglio: 141,4 milioni di euro per il 2022, 275 per il 2023, 247,6 per il 2024, 185,2 per il 2025, 104,5 per il 2026 ed infine 16,9 milioni di euro per l’anno 2027.

Il governo ha introdotto poi una seconda novità: l’abolizione dei tre mesi di stacco tra la fine della Naspi e la possibilità che un lavoratore possa ricevere l’Ape social.

Rispetto alla normativa vigente per le 55 nuove professionalità ammesse all’Ape in questa occasione non è stato previsto come per le 27 della vecchia Ape una canale di uscita per i lavoratori «precoci», ovvero i soggetti che hanno svolto mansioni usuranti per almeno 12 mesi prima di aver compiuto 19 anni cui spetta di uscire con 41 anni di contributi.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

82 i lavori usuranti; fra questi anche i prof delle primarie ultima modifica: 2021-10-31T05:35:53+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl