LeggePerTutti_logo15

di Carlos Arija Garcia, La legge per tutti, 14.7.2019

Trasporto gratuito da casa, assistenza nelle aule, insegnante di sostegno, lezioni a casa o in ospedale: ciò che non può mancare agli alunni con disabilità.

L’istruzione è un diritto di tutti. Anche dei ragazzi con disabilità, sia che riescano a frequentare gli istituti scolastici sia che debbano riceverla a casa loro. Per i disabili a scuola, i diritti garantiti dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca vanno dall’assistenza davanti ai libri con la presenza di insegnanti di sostegno ed una serie di compiti (è proprio il caso di dirlo) assegnati a docenti, dirigenti e collaboratori fino ad un vero e proprio piano educativo individualizzato. Il tutto per aiutare i ragazzi con disabilità nel loro percorso.

Accanto al modo della scuola, oltre ai genitori, ci sono gli Enti locali e le Asl. Insieme costituiscono (o devono costituire, secondo le disposizioni del Ministero) i cosiddetti gruppi di lavoro per l’integrazione scolastica. Il loro dovere, come vedremo in seguito, è quello di migliorare l’offerta formativa.

I diritti dei disabili a scuola comprendono anche la possibilità di partecipare alle gite ed ai viaggi di istruzione. Ma se hanno bisogno di assistenza, chi li deve accompagnare? Ci vuole una persona della famiglia o ci pensa il personale della scuola?

Altro aspetto delicato riguarda il conseguimento del titolo di studio. Il ministero distingue tra i ragazzi disabili che frequentano il primo ed il secondo ciclo. In ogni caso si garantisce la frequenza scolastica, ma gli studenti delle superiori non sempre potrebbero avere lo stesso diploma dei compagni senza disabilità.

Spieghiamo di seguito quali sono i diritti dei disabili a scuola secondo quanto disposto dal ministero competente.

Indice

1 Disabili a scuola: diritto all’insegnante di sostegno

2 Disabili a scuola: i compiti degli insegnanti

3 Disabili a scuola: i compiti del dirigente

4 Disabili a scuola: i compiti dei collaboratori

5 Disabili a scuola: i compiti degli enti locali

6 Disabili a scuola: il diritto di partecipare a gite e viaggi

7 Disabili a scuola: il diritto di non frequenza

8 Disabili a scuola: il diritto di avere un titolo riconosciuto

9 Disabili a scuola: il diritto al trasporto gratuito

Disabili a scuola: diritto all’insegnante di sostegno

La figura dell’insegnante di sostegno è prevista dal ministero dell’Istruzione per i ragazzi disabili a scuola che hanno bisogno di un supporto nel loro processo formativo. È, dunque, un loro diritto averlo a fianco.

Ciò, però, che con loro ci sia un insegnante dedicato, ma una risorsa in più che colma le loro lacune e che risponde alle loro necessità educative.

Si tratta, comunque, di una figura prevista dalla legge [1] per garantire il diritto allo studio e l’eguaglianza sociale di tutti i ragazzi, quindi anche di quelli con disabilità. Il compito deve essere affidato ad un docente di ruolo o assunto a tempo indeterminato e deve essere presente almeno un insegnante di sostegno in ogni classe in cui è presente almeno uno studente disabile.

Nel contesto di quanto previsto dalla Costituzione sul superamento di tutto ciò che ostacola il pieno sviluppo della persona [2], l’insegnante di sostegno ha il compito di affiancare il ragazzo disabile nelle attività didattiche per un certo numero di ore che varia a seconda delle necessità dello studente.

Se vuoi approfondire il ruolo del docente di sostegno, ti consigliamo di leggere questo articolo.

Disabili a scuola: i compiti degli insegnanti

L’insegnante ha la responsabilità educativa e didattica verso gli alunni, compresi i disabili a scuola. Questi ultimi, pertanto, hanno il diritto come tutti gli altri di essere destinatari della programmazione volta al raggiungimento degli obiettivi prefissati ed a vedere valutati i loro risultati.

Tuttavia, e dato che il percorso dell’alunno con disabilità segue un percorso personalizzato, i compiti degli insegnanti vengono definiti nel contesto del Piano educativo individualizzato.

Disabili a scuola: i compiti del dirigente

Il dirigente scolastico ha la responsabilità di vigilare sull’attuazione del Piano educativo individualizzato e sul modo in cui devono essere integrati gli alunni disabili a scuola. A questo proposito, sono compiti del dirigente:

  • assegnare gli alunni con disabilità nelle varie classi;
  • stabilire gli orari;
  • pianificare gli incontri di progettazione;
  • gestire la documentazione;
  • coordinare i lavori che coinvolgono più soggetti;
  • promuovere delle attività di formazione e di aggiornamento;
  • coinvolgere attivamente le famiglie;
  • intraprendere qualsiasi iniziativa si renda necessaria al corretto inserimento degli alunni disabili ed al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche.

Disabili a scuola: i compiti dei collaboratori

Gli alunni disabili a scuola hanno diritto a ricevere dai collaboratori scolastici la dovuta assistenza di base, vale a dire l’aiuto pratico all’interno dell’istituto e l’accesso alle aree esterne ed all’uscita dei plessi.

Hanno pure il diritto di avere un aiuto dai collaboratori per ciò che riguarda la cura della persona e l’uso dei servizi igienici.

Disabili a scuola: i compiti degli enti locali

Anche Comuni, Province e Regioni hanno i loro compiti verso i disabili a scuola. Tocca a loro fornire alcune figure professionali si supporto che garantiscano il diritto degli alunni a frequentare le lezioni nel modo più adatto. Si può trattare, ad esempio, dell’operatore di assistenza che aiuta un ragazzo con disabilità fisica oppure di un addetto alla comunicazione per gli studenti con disabilità sensoriale.

Lo scopo finale è quello di permettere ai disabili a scuola di fruire dell’insegnamento ricevuto dai docenti. Per questo, sono chiamati a seguire un singolo alunno e non il resto della classe, verso la quale non hanno alcuna competenza.

Disabili a scuola: il diritto di partecipare a gite e viaggi

Chi ha detto che i disabili a scuola debbano rinunciare ad una gita o ad un viaggio organizzato dall’istituto a scopo didattico o ricreativo? Questi alunni hanno il diritto di partecipare alle attività extrascolastiche come tutti i loro compagni. Pertanto, al momento di progettare la gita o il viaggio si dovrà tenere conto anche delle loro esigenze, facendo in modo che anche loro possano aderire all’iniziativa.

Come sottolinea il Miur, non c’è una norma che indichi la figura che deve accudire o controllare il ragazzo disabile durante un viaggio scolastico. Sarà compito della scuola stabilire la maniera in cui lo studente possa parteciparvi senza correre dei rischi e con la dovuta assistenza. Questa figura può essere l’insegnante di sostegno, un operatore di assistenza, un altro docente, un parente, ecc. Se il ragazzo frequenta le scuole superiori, è possibile affidarlo anche ad un compagno di classe.

Disabili a scuola: il diritto di non frequenza

Può capitare che un ragazzo disabile soggetto all’obbligo scolastico non riesca a frequentare le lezioni temporaneamente per motivi di salute. Questo non vuol dire che non possa ricevere la dovuta istruzione. Ha diritto, infatti, all’educazione e all’istruzione scolastica attraverso l’intervento del Provveditorato agli studi in collaborazione con le unità sanitarie locali e con i centri di recupero e di riabilitazione pubblici o privati convenzionati.

In sostanza: se lo studente è costretto a casa o ricoverato in ospedale, ha diritto ad essere inserito in una sezione staccata della scuola statale, la stessa alla quale può partecipare chi non è portatore di handicap ma ha l’impossibilità accertata di frequentare le aule per un periodo di almeno 30 giorni.

Disabili a scuola: il diritto di avere un titolo riconosciuto

Non è automatico che un ragazzo disabile, per il fatto di frequentare una scuola, ottenga un titolo di studio come quello dei suoi compagni. Anche se, in questo ambito, occorre fare una distinzione.

Nel primo ciclo di studi, cioè quello riferito alla scuola primaria e secondaria di primo grado (le vecchie elementari e medie, per capirci), il Ministero garantisce una programmazione valida per la promozione alla classe successiva, nonostante l’alunno disabile venga valutato a parte in base al Piano educativo individualizzato. Vale lo stesso per l’esame che conclude il percorso (la licenza media di una volta): se viene superato, lo studente disabile ottiene un diploma valido a tutti gli effetti, senza alcuna nota circa il percorso che ha seguito.

Nel secondo ciclo, invece, cioè nelle scuole superiori, la scuola garantisce ai disabili la frequenza alle lezioni ma non il conseguimento del titolo di studio. Per loro si aprono due scenari:

  • uno curriculare o per obiettivi minimi che permette di ottenere il regolare diploma;
  • uno differenziato che consente solo di frequentare la scuola e di conseguire alla fine un attestato diverso dal diploma.

Disabili a scuola: il diritto al trasporto gratuito

Siamo in Italia, quindi le problematiche non mancano quando si tratta di garantire un servizio gratuito alla collettività. Il legislatore si è occupato più volte del trasporto dei disabili a scuola, sancendo che tale servizio deve essere gratuito. Tuttavia, gli enti locali non sempre dispongono delle risorse economiche necessarie a garantire questa prestazione. Ed ecco che la solita problematica si presenta.

Non bisogna demordere, però. In linea generale, un decreto del 1975 [3] ha stabilito che il trasporto scolastico per gli alunni delle materne e della scuola dell’obbligo deve essere gratuito e garantito. Per le superiori, invece, quando non rientrano nell’età dell’obbligo, le istituzioni devono prevedere la compatibilità dei collegamenti tra i tempi di percorrenza con i mezzi pubblici ed i tempi previsti (non sempre coincidono). E devono anche stabilire delle forme di pagamento agevolate.

Non solo: in virtù del principio secondo cui la scuola (come il datore di lavoro per i dipendenti) è responsabile dell’infortunio che può accadere mezz’ora prima o dopo l’orario delle lezioni, il dirigente scolastico ha l’obbligo di verificare che il trasporto sia effettuato con dei mezzi idonei.

Detto questo, la Legge 104/92 ricorda che per gli studenti disabili è previsto il trasporto gratuito da casa alla scuola e viceversa. Servizio, peraltro, già previsto a queste condizioni e su mezzi specifici da una legge molto meno recente rispetto alla 104 [4]. La normativa prevede che siano i Comuni ad assicurare delle modalità di trasporto individuali ai disabili non in grado di utilizzare i mezzi pubblici. Il che significa, tra l’altro, fornire anche delle persone destinate all’assistenza. Alle Province, invece, il compito di garantire lo stesso servizio agli alunni delle superiori.

Note

[1] Art. 7 legge n. 517/1977 del 04.08.1977.

[2] Art. 3 Costituzione.

[3] DM del 18.12.1975.

[4] Legge n. 118/1971.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

ultima modifica: 2019-07-14T14:35:27+02:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl