Categorie: Riforma

Riforma della scuola: il programma di Matteo Salvini

di Antonio Cosenza, Money.it, 6.12.2019

– Matteo Salvini parla di riforma della scuola: “Aboliamo le scuole medie, le vacanze dovrebbero durare meno”.

Riforma della Scuola: nel caso in cui la Lega dovesse salire nuovamente al Governo – questa volta sostenuto esclusivamente da una maggioranza di Centrodestra – potrebbe esserci una vera e propria rivoluzione dell’attuale sistema scolastico.

In questi giorni, infatti, il leader della Lega ha ribadito la sua idea di riformare gli attuali cicli scolastici, puntando anche il dito contro l’attuale durata delle vacanze scolastiche. Se a questo si aggiunge che quando la Lega era al Governo ha puntato fortemente sulla regionalizzazione della scuola, con la possibilità per le singole Regioni di prevedere anche delle retribuzioni differenti per il personale impiegato negli istituti scolastici locali, è semplice capire perché in caso di Lega al Governo ci potrebbero essere veramente delle novità importanti per la Scuola.

I sondaggi danno la Lega molto avanti e nel caso di ritorno alle urne è molto probabile che in Parlamento ci sia una maggioranza di Centrodestra; vediamo, quindi, cosa potrebbe cambiare in quel caso per il comparto Istruzione.

Riforma della scuola: con la Lega addio alle medie?

Da qualche tempo a questa parte Matteo Salvini ha puntato il dito contro le scuole medie che secondo il parere del leader della Lega non sono funzionali. Già il mese scorso il leader del Carroccio ha spiegato che la Lega sta lavorando per trovare una soluzione per “eliminare i tre anni di buco nella scuola media”, dal momento che in Europa non c’è nessun altro sistema scolastico che prevede “questi tre anni di parcheggio”.

Un’idea ribadita da Salvini nel corso del recente incontro avuto con la Confartigianato a Forlì, dove il leader della Lega ha dichiarato che:

“Siamo gli unici ad avere i 5 anni, i 3 anni e i 5 anni a compartimenti stagni. C’è un motivo per cui negli altri Paesi europei non c’è questo buco in mezzo, che non si può definire né carne né pesce,  con tutto il rispetto per gli insegnanti”.

A tal proposito la Lega vorrebbe cancellare la scuola secondaria di I grado, allungando di un anno la durata delle scuole elementari e di quelle superiori.

Ci sarebbero così 6 anni di ciclo primario e altrettanti anni di ciclo secondario: complessivamente, quindi, il percorso di studi durerebbe un anno in meno, così da anticipare l’ingresso nel mondo del lavoro o all’Università.

Riforma della scuola: Salvini contesta la durata delle vacanze scolastiche

Non è solo la scuola media ad essere oggetto di contestazione: nel corso dell’intervento avuto a Confartigianato, infatti, Salvini ha anche puntato il dito contro la durata delle vacanze scolastiche. “Lo dico da papà” – ha esordito il leader del Carroccio – “siamo gli unici anche ad avere tre mesi di vacanze estive, non è possibile chiudere la saracinesca a metà giugno e riaprirla a metà settembre”.

Così come le scuole medie, quindi, anche le vacanze potrebbero essere oggetto della riforma targata Lega, con una possibile riduzione delle vacanze scolastiche insieme a quella della durata complessiva del ciclo di istruzione.

Riforma scuola: con la Lega via alla regionalizzazione

In molti ricorderanno del progetto di regionalizzazione della scuola sul quale l’ex Ministro dell’Istruzione, il leghista Bussetti, aveva posto diverse aspettative. Alla fine, principalmente a causa dell’ostruzionismo del Movimento 5 Stelle, questo progetto è stato accantonato ma è molto probabile che la Lega ci riproverà in caso di ritorno all’Esecutivo.

Ma cosa cambierebbe con la regionalizzazione della scuola? L’idea prevede di lasciare alle Regioni la libertà di decidere in autonomia sia l’offerta formativa che il trattamento economico degli insegnanti, i quali verrebbero reclutati con concorsi regionali ad hoc. Ci sarebbe così una differenziata organizzazione didattica, con modifiche anche per l’attuale sistema delle graduatorie e degli stipendi.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Riforma della scuola: il programma di Matteo Salvini ultima modifica: 2019-12-06T21:24:48+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Maturità, non ci sono gli spazi? Facciamola all’Ariston

di Valentina Petri, Il Fatto Quotidiano,  25.1.2021. Da quello che ho capito, sono iniziate le consultazioni.…

3 ore fa

Inclusione e nuovo PEI, possibile “esonero da alcune discipline”. Cosa non convince Di redazione

Orizzonte Scuola, 25.1.2021. Nei giorni scorsi il Ministero ha presentato ai sindacati il nuovo PEI,…

3 ore fa

Covid-19, Gilda: da ministeri Istruzione e Salute ancora mutismo sui dati

dalla Gilda degli insegnanti, 25.1.2021. Dopo 15 giorni dalla nostra richiesta formale, da Azzolina e…

4 ore fa

Diritto allo studio. Domande prorogate al 5 febbraio

USR  per il Veneto, Ufficio I, A.T. di Venezia,  14.1.2021.   Permessi per diritto allo…

8 ore fa

Maturità, torna l’ammissione ma saltano Invalsi e alternanza

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 25.1.2021. Se l’anno scorso, dopo un trimestre…

18 ore fa

Senza test uniformi è impossibile stimare i gap

di Andrea Gavosto, Il Sole 24 Ore, 25.1.2021. Come spesso accade nel nostro Paese, anche sulla didattica…

18 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy