Anticipo TFS/TFR, ecco la piattaforma per richiederlo

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 10.9.2020.

Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto che recepisce l’accordo quadro con l’Associazione delle banche italiane, ecco online la piattaforma di Funzione pubblica che rende operativa la possibilità di erogazione dell’anticipo del Tfs/Tfr.

Ad ann8nciarlo è su Facebook la Ministra Dadone, che anticipa anche che il sito web, con tutte le informazioni necessarie per i richiedenti, sarà via via completato nei prossimi giorni con l’elenco degli enti erogatori e soprattutto degli istituti di credito, la cui adesione fa capo alla stessa Abi.

VAI ALLA PIATTAFORMA

Come richiedere l’anticipo del TFR/TFS: tutte le info

Chi è il richiedente

L’ex pubblico dipendente che ha o ha avuto accesso al trattamento pensionistico attraverso la maturazione dei seguenti requisiti: quota 100, pensione anticipata e pensione di vecchiaia.

A chi presentare la domanda?

L’interessato dovrà richiedere all’Ente erogatore del TFS/TFR la certificazione del diritto all’anticipazione.

Quali tempistiche?

L’Ente erogatore, entro 90 giorni dalla ricezione della domanda rilascerà:

  • la certificazione del diritto al trattamento e il suo ammontare complessivo, indicando le date di riconoscimento dei singoli importi annuali e le eventuali precedenti operazioni di cessione sul trattamento stesso;
  • il rigetto della domanda di certificazione, qualora non sia accertato il possesso dei requisiti;
  • l’indirizzo PEC al quale indirizzare le necessarie comunicazioni.

Il Richiedente, ottenuta la certificazione del diritto, presenterà la domanda di anticipo del TFS/TFR alla Banca (scarica il modulo per la “Domanda di anticipo della liquidazione del TFS/TFR”), allegando i seguenti documenti:

La Banca, una volta accettata la proposta, comunica all’Ente erogatore tale accettazione. L’Ente erogatore a sua volta entro 30 giorni, effettuate le necessarie verifiche, comunica alla Banca la presa d’atto della conclusione del contratto di anticipo. Qualora a seguito delle verifiche, l’Ente erogatore comunichi alla Banca un importo minore di quello precedentemente certificato (a causa di sopraggiunti perfezionamenti di pratiche pendenti, precedentemente non considerate), la proposta di contratto di anticipo decade e il Richiedente potrà eventualmente presentare una nuova domanda.

La Banca, entro 15 giorni dalla data di efficacia del contratto, provvede all’accredito della somma anticipata sul conto corrente indicato dal Richiedente.

Qual è l’importo massimo?

L’importo massimo dell’anticipo è pari a 45 mila euro, al lordo degli interessi ad esso riferiti. Il tasso d’interesse applicato è determinato secondo quanto previsto dall’art. 4 dell’Accordo quadro. La Banca non può applicare all’anticipo commissioni o altri oneri oltre il tasso d’interesse.

Estinzione anticipata

Il soggetto finanziato può presentare domanda di estinzione anticipata con oneri a proprio carico. L’indennizzo sarà al massimo uguale ai costi sostenuti dalla Banca per gestire la richiesta di estinzione anticipata e sarà comunque inferiore alla quota di interessi che sarebbe gravata sull’importo dell’anticipo se non vi fosse stata l’estinzione anticipata.

.

.

.

.

.

.

 

Anticipo TFS/TFR, ecco la piattaforma per richiederlo ultima modifica: 2020-09-11T04:51:06+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Covid, la bozza delle linee guida Ue per Natale

di F.Q.  Il Fatto Quotidiano, 1.12.2020. “Allungare le vacanze scolastiche per evitare la diffusione dei…

50 minuti fa

Ammalarsi costa fatica ed anche denaro

di Antonio Marchetta, Orizzonte Scuola, 1.12.2020. La decurtazione dello stipendio in caso di malattia fino a…

11 ore fa

Ricambio d’aria contro il Covid, le scuole ferme alle finestre aperte

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Studio multidisciplinare sulla ventilazione. Scarsa ventilazione delle aule e sovraffollamento rischiano…

11 ore fa

Anno di prova e giorni di servizio: cambia qualcosa con il covid?

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 1.12.2020. Molti docenti neo immessi si chiedono se cambi qualcosa ai tempi…

13 ore fa

Cds: l’emergenza Covid-19 giustifica la stretta sulla scuola

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Il diritto alla salute prevale sul diritto all'istruzione La suprema magistratura…

14 ore fa

La nuova medicina INVALSI per la scuola in difficoltà: i test a uso locale

di Rossella Latempa, Roars, 30.11.2020. In pieno spirito natalizio, tenendo fede alla parola data durante la…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy