Bonus merito, vale il contratto o la legge 107? Parere dell’Aran

di Fabrizio De Angelis,  La Tecnica della scuola, 16.4.2019

– Il bonus merito, introdotto dalla legge 107/2015, sin da subito si è caratterizzato come uno strumento di disunione, che ha posto in molti casi problemi di trasparenza o comunque di competitività fra insegnanti.

Bonus merito 2019: vale il CCNL o la buona scuola?

Il contratto scuola 2018, ha apportato alcune modifiche: prima di tutto le risorse sono confluite nel Fondo per il miglioramento dell’offerta formativa, “ferma rimanendo la relativa finalizzazione a favore della valorizzazione del personale docente sulla base dei criteri indicati all’art. 22, comma 4, lett. c), punto c4)” del medesimo CCNL. Inoltre, il bonus merito finisce in contrattazione integrativa.

Tuttavia, si è creato un problema di applicazione dei criteri generali per assegnare il bonus merito: non si comprende fino a che punto i criteri devono essere stabiliti dalla contrattazione integrativa e dove invece si debba seguire la legge 107.

A tal proposito, l’Aran ha pubblicato un parere riportando la posizione della Corte dei Conti. Quest’ultima ha precisato che “nell’ambito delle materie oggetto di contrattazione integrativa a livello di istituzione scolastica ed educativa … si rinvengono, accanto ai criteri per la ripartizione del Fondo d’Istituto (FIS) e dei compensi accessori ai sensi dell’art. 45, comma 1 del d. lgs. n. 165 del 2001, anche i criteri generali per la determinazione dei compensi finalizzati alla valorizzazione del personale ivi compresi quelli riconosciuti al personale docente ai sensi dell’art. 1, commi 126-128 della legge n. 107 del 2015 (art. 22, comma 4, lettera c4)”.

Emerge subito dal parere dell’Aran la contrapposizione CCNL-legge 107: la buona scuola demandava l’individuazione dei criteri di determinazione dei compensi al comitato di valutazione, che deve tenere conto:

a) della qualità dell’insegnamento e del contributo al miglioramento dell’istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti;

b) dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo dei docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell’innovazione didattica e metodologica;

c) delle responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale.

Bonus merito 2019: i criteri generali in contrattazione integrativa

Pertanto, la Corte prende atto che la possibilità di contrattualizzare la disciplinadettata
dall’art. 1, comma 126 e seguenti della legge n. 107 del 2015, come precisato nel successivo paragrafo 7 del rapporto, conferma sia pure parzialmente gli ambiti della contrattazione integrativa definiti nella presente ipotesi contrattuale.

“Se tuttavia, i criteri di ripartizione del fondo per il miglioramento dell’offerta formativa –
demandati, in linea con i precedenti contratti di comparto, alla contrattazione integrativa a livello nazionale – assorbono quelli previsti per il Fondo per il merito di cui alla legge n. 107 del 2015, appare necessario precisare i confini della contrattazione integrativa a livello di istituzione scolastica”, riporta l’Aran.

Bonus merito 2019: rimane la competenza del Ds per individuare i docenti “meritevoli”

Ne consegue quindi che lo spazio di competenza va limitato ai soli riflessi sulla distribuzione della retribuzione accessoria derivanti dall’attuazione dei sistemi di valutazione del personale docente, incluso quello di cui all’art. 1, commi 127-128 della legge n. 107 del 2015, con la possibilità, quindi, di dettare i criteri generali per la determinazione dei compensi (ad esempio il valore massimo del bonus, la differenziazione minima tra le somme distribuite, la percentuale dei beneficiari) confermando, tuttavia, le procedure e i criteri di assegnazione del bonus ai beneficiari previsti dalla legge.

Rimane quindi la competenza del dirigente scolastico in merito all’individuazione dei docenti meritevoli sulla base di criteri, non soggetti a contrattazione, formulati dallo specifico comitato per la valutazione.”

.

.

.

.

.

.

.

Bonus merito, vale il contratto o la legge 107? Parere dell’Aran ultima modifica: 2019-04-17T14:43:23+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

L’esercito degli innominabili

di Giacomo Limoni, InfoDocenti.it, .7.2020. E’ notizia di questi giorni che il Ministro Azzolina abbia chiesto al…

10 ore fa

Ai presidi la scelta di soluzioni caso per caso

di Eugenio Bruno, Il Sole 24 Ore, 10.7.2020. Autonomia e flessibilità. Sono le due parole chiave che…

11 ore fa

Niente mascherina al banco ed esami sierologici volontari

di Eugenio Bruno, Il Sole 24 Ore, 10.7.2020. Niente obbligo di mascherina al banco. Il metro da…

11 ore fa

Utilizzazioni su sostegno, interprovinciali solo quando la classe di concorso è in esubero

di Lucio Ficara, La Tecnica della scuola, 9.7.2020. I docenti che sono titolari su posto comune…

12 ore fa

Mobilità annuale 2020/21. Chi può fare domanda

di Antonio Guerriero, Professionisti Scuola Network, 9.7.2020. Guida ai requisti per assegnazioni provvisorie e utilizzazioni.…

12 ore fa

Due milioni di kit sierologici per docenti e Ata disponibili dal 10 agosto

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 9.7.2020. Arcuri ha avviato la gara Il commissario straordinario…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy