Brexit, inglesi fuori dall’Erasmus

tuttoscuola_logo14Tuttoscuola,    24.6.2016
Erasmus_26

“La Brexit è un danno concreto e d’immagine per tutti gli studenti universitari d’Europa. La “generazione Erasmus”, nata e cresciuta in Europa, ora vedrà venir meno la sua componente inglese. Un vero peccato”.

Così Mario Panizza, rettore dell’Università degli Studi Roma Tre, commenta l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

“Dalle prime analisi, emerge che i giovani hanno votato ‘no’ all’uscita, testimoniando la netta distinzione tra le generazioni che hanno vissuto prima e dopo il varo del Progetto Erasmus. Così come hanno votato ‘no’ più le città cosmopolite, che pure avrebbero dovuto risentire maggiormente del fenomeno migratorio, rispetto alle zone rurali”.

Il rettore Panizza sottolinea inoltre che “grazie anche all’esperienza internazionale europea si è determinata una maggiore facilità negli scambi e una forte riduzione dei costi. Con Erasmus non hanno più viaggiato per l’Europa solo i ricchi. E il programma per la ricerca e l’innovazione europea Horizon 2020 ha liberato una quantità di risorse destinate alla ricerca incomparabile con quella di cui avrebbe potuto disporre ciascun singolo stato membro. Anche di questo i giovani inglesi non potranno più beneficiare. Da oggi la “generazione Erasmus”, che anche grazie alla mobilità intereuropea si è conquistata negli anni posti di rilievo in ambito culturale, scientifico e nella gestione della cosa pubblica, avrà una componente in meno: i giovani britannici. Allo stesso tempo non sarà più consentito agli studenti europei di avere scambi con i loro colleghi inglesi. Brexit determinerà un depauperamento in termini culturali e scientifici”.

.

Brexit, inglesi fuori dall’Erasmus ultima modifica: 2016-06-25T04:54:31+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl