Bullismo nelle scuole, sospensione legittima solo se adeguatamente motivata

sole-scuola_logo14

di Amedeo Di Filippo, Il Sole 24 Ore, 18.6.2018

– Lo sostiene il Tar Lazio con la sentenza n. 6557 del 12 giugno scorso –

La sanzione nei confronti dello studente che si rende autore di gesti di bullismo è legittima solo se nel provvedimento che la irroga vengono indicati in maniera puntuale e circostanziata i fatti a lui direttamente attribuibili, riferibili al comportamento effettivamente tenuto. Lo sostiene il Tar Lazio con la sentenza n. 6557 del 12 giugno.

L’episodio
È stato chiesto l’annullamento del provvedimento disciplinare con cui è stata erogata la sanzione disciplinare della sospensione senza obbligo di frequenza scolastica per dieci giorni presso un istituto d’istruzione superiore. Colpa della studentessa è di aver scattato e diffuso alcune foto in cui erano ritratti una sua insegnante e un compagno di scuola. L’istituto descrive la condotta all’interno di un più generale quadro di bullismo applicato nei confronti di un soggetto disabile all’interno della scuola, all’interno del quale è stata prevista analoga sanzione anche per altri studenti coinvolti nella vicenda.

La motivazione
Il Tar Lazio accoglie il ricorso, stigmatizzando il provvedimento sanzionatorio come privo di adeguata motivazione. Questo proprio alla luce della complessità, della vastità e della delicatezza del problema “bullismo” nelle scuole, che come tale non consente di far venire meno le esigenze e i requisiti fondamentali del provvedimento amministrativo, primo tra tutti la motivazione.
Nel caso di specie, rilevano i giudici, non risulta adeguatamente rappresentata la condotta concretamente ascrivibile alla studentessa, ritenuta peraltro di minore gravità rispetto a quella addebitata ad altri studenti, e nemmeno viene ad evidenza la correlazione diretta della motivazione e della sanzione al comportamento effettivamente tenuto dalla stessa. Ne discende che la mancata puntuale descrizione dei fatti attribuibili alla stessa si traduce sia in un vizio della motivazione del provvedimento e, conseguentemente, nella violazione dei principi di proporzionalità e ragionevolezza della sanzione, con conseguente annullamento del provvedimento sanzionatorio impugnato.

.

.

.

Bullismo nelle scuole, sospensione legittima solo se adeguatamente motivata ultima modifica: 2018-06-18T06:20:15+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl