Buon Anno a tutte le colleghe e a tutti i colleghi!

dalla Gilda degli insegnanti della Provincia di Venezia, 2.1.2021.

Dopo il 2020, anno tra i più funesti nella storia degli ultimi cinquant’anni, confidiamo di vedere finalmente alcuni spiragli di luce dopo il lungo tunnel dell’emergenza COVID 19. Non sarà certo “un anno bellissimo” e verranno al pettine problemi difficilmente risolvibili in tempi brevi. La scuola rischia di chiudere l’anno scolastico ancora con una didattica massacrata dalle incertezze di una politica governativa che a parole esprime “priorità alla scuola” per poi adattarne tempi, ritmi e organizzazione all’andamento della pandemia.

La scuola sempre ai margini

Preoccupa ad esempio lo spazio limitatissimo dedicato alla scuola nella conferenza stampa di fine anno del Presidente del Consiglio. Ai “giornaloni” e ai media interessa di più inseguire i vari interessi lobbistici della tante categorie penalizzate dalla crisi sanitaria o, ancor di più, immaginare gli scenari di una futura crisi politica causata dall’ineffabile Renzi che aveva dichiarato dopo la sconfitta al referendum di abbandonare la politica. Il padre della pessima “Buona Scuola” è ancora qui a dettare, con un 3% dei consensi elettorali, il calendario della politica italiana.  Molto più diretto il riconoscimento di Papa Francesco al “ruolo essenziale nella vita sociale” che devono affrontare insegnanti e dirigenti scolastici

La DDI

Nel 2021 le spinte per far diventare strutturali la Didattica Digitale Integrata e il lavoro a distanza saranno fortissime. In questo contesto il promesso nuovo Contratto di lavoro collettivo della scuola rischia di intervenire peggiorando lo status professionale e giuridico dei docenti in cambio di aumenti stipendiali risibili. Non possiamo accettare di limitare la nostra libertà di insegnamento demansionando i docenti a semplici facilitatori dell’informazione e della conoscenza o a meri accudenti inclusivi degli allievi. Tutti vogliono che la scuola torni in presenza, ma è sbagliato farlo a qualsiasi costo. E’un rischio che corriamo e che vedrà sempre la Gilda degli Insegnanti come una delle poche associazioni professionali che si impegnerà, come sempre, in battaglie sindacali e culturali a favore dei docenti.

Riapertura delle scuole

Uno dei principali nodi della riapertura delle scuole riguarda i trasporti cui si intende far fronte con lo scaglionamento degli orari di entrata degli studenti. A settembre il Presidente della Regione Veneto Zaia aveva scartato l’idea perché convinto che cambiasse di poco i flussi dei pendolari venenti.
Siamo convinti che si sarebbe stato più efficace scaglionare l’orario di inizio anche di altre attività lavorative. E anche ammesso che ora la situazione sia diversa, come si pensa che i ragazzi che tornano a casa a metà pomeriggio o oltre possano far fronte ai compiti assegnati? Oppure ci daranno indicazioni di non impegnarli troppo oltre l’orario delle lezioni? Perché non vi sono controlli da parte della Polizia municipale nei punti di snodo dei trasporti e fuori dalle scuole?

Contagi

Altra questione riguarda i contagi del Veneto che è diventato purtroppo primo in Italia: nessuno ha pensato ad uno screening di massa di tutti i soggetti che operano nelle scuole prima del 7 di gennaio così come è stato fatto a settembre. Noi lo avevamo chiesto anche in occasione degli Esami di Stato dello scorso anno. Ma siamo convinti che in questo momento a differenza di altre regioni sia un azzardo riaprire così in fretta le scuole del Veneto senza adeguate contromisure. E ricordiamo a tutti che i test fatti fino a a dicembre nel primo ciclo solo ai docenti “con più ore” si sono dimostrati una soluzione poco efficace.

Grazie a tutti gli insegnanti

Ringraziamo tutti gli iscritti alla Gilda degli Insegnanti per credere nei valori e nelle lotte che contraddistinguono la nostra storia. Senza di loro non esisterebbe la Gilda, ma non esisterebbe nemmeno una delle organizzazioni sindacali che per sua natura sarà sempre dalla parte dei docenti.

Un anno di speranza a tutte e tutti.

 

Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

 

Buon Anno a tutte le colleghe e a tutti i colleghi! ultima modifica: 2021-01-02T04:29:45+01:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Si può accettare una supplenza anche se si è in quarantena, si è positivi al covid o semplicemente in malattia?

di Guido Ferrari, InfoDocenti.it, 7.3.2021. In questi giorni spesso si verifica che il docente convocato per una…

2 ore fa

Scuola in presenza per i figli dei “lavoratori indispensabili”? Interviene Bianchi

OggiScuola, 7.3.2021. A far luce ci ha pensato una nota dell'Ufficio scolastico regionale per la…

2 ore fa

“Mio figlio non sa scrivere? Userà il telefono”

di Riccardo Prando, il Sussidiario, 7.3.2021. Per il secondo anno consecutivo l’esame finale, quello di…

4 ore fa

Perplessità per la nota che consente la presenza di figli di chi svolge lavori essenziali

Tuttoscuola,  6.3.2021. Il Dpcm 2 marzo 2021 ha emanato “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica…

5 ore fa

Scuole chiuse: mio figlio dove lo lascio?

di Francesca Barbieri e Serena Uccello, Il Sole 24 Ore, 6.3.2021. Ecco chi può fare lezione in…

5 ore fa

Alunni disabili e figli di key workers: in presenza anche in arancione scuro

di Sabina Pignataro, Vita, 4.3.2021. Il Ministero ha emanato oggi una nota per specificare che anche…

5 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy