Bussetti conferma corsia preferenziale per precari e aumenti di stipendio per tutti: non facciamo promesse a vuoto

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 25.5.2019 

– “Quello che vogliamo è consentire a chi insegna da più di tre anni a tempo determinato di potersi finalmente abilitare e partecipare a procedure concorsuali che tengano conto della loro esperienza”: è questo il piano escogitato dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ad un mese esatto dall’intesa con il premier Giuseppe Conte con i sindacati. Nel giorno dell’antivigilia del rinnovo delle elezioni europee, lo stesso Bussetti ha infatti annunciato “misure uniche e straordinarie per la stabilizzazione del precariato storico e sì a percorsi abilitanti aperti a tutti coloro che hanno acquisito adeguata esperienza, con selezione in uscita come nel 2013″.

Vogliamo superare il precariato

Il giorno dopo, sulla Stampa, il titolare del Miur ha ricordato che “il superamento del precariato era già nel contratto di governo, siglato oltre un anno fa. Ciò che è indegno è l’alto numero di precari nella scuola, e indegno è far vivere una persona a lungo nell’incertezza”.

Ecco perchè è giunto il via libera per i Pas e i concorsi riservati a chi ha svolto almeno 36 mesi di supplenze.

“Lavoreremo affinché si svolga un percorso serio di abilitazione per i precari che è frutto di un’interlocuzione che va avanti da tempo con i sindacati”.

Per poi sottolineare: “Questo Governo ha già dimostrato di non fare promesse a vuoto”.

“Aumentare gli stipendi del personale scolastico è doveroso”

Il responsabile del dicastero di viale Trastevere ha anche confermato l’intenzione di incrementare gli stipendi: “con l’accordo del 24 aprile – ha tagliato corto – abbiamo garantito il nostro impegno a trovare risorse in più per il rinnovo del contratto. Aumentare gli stipendi del personale scolastico è doveroso. Ce ne stiamo occupando”.

Ed è bene che la nuova politica riguardi tutto il personale. I docenti e il personale amministrativo, tecnico e ausiliario si aspettano aumenti a tre cifre: possibilmente netti. Ancora di più ora che i dirigenti scolastici hanno ottenuto quasi 350 euro netti, a regime, di incrementi salariali. Una notizia che all’interno del corpo docente ha creato più di un malumore.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Bussetti conferma corsia preferenziale per precari e aumenti di stipendio per tutti: non facciamo promesse a vuoto ultima modifica: 2019-05-26T05:40:10+02:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl