Cappello della distanza: creazione cinese per consentire il ritorno a scuola

di Alessia D’Anna, KontroKultura, 2.5.2020

– La Cina è stata la prima nazione ad essere messa in ginocchio dal coronavirus. In un momento di leggerissima ripresa da questo contagio pericoloso, le autorità hanno deciso di consentire ai bambini della scuola primaria di tornare a scuola. Non senza però le dovute precauzioni. Oltre alla mascherina i piccoli indosseranno un cappello della distanza, realizzato con materiale fai da te a casa. Questo per ricordarsi che devono mantenere lo spazio tra di loro.

Cappello della distanza per difendersi dal rischio di contagio

Superate le restrizioni pandemiche in Cina, molti bambini sono autorizzati a tornare a scuola dopo diversi mesi. Ma come anticipato ci voglio tutte le precauzioni del caso. Insieme alle maschere per il viso, gli alunni devono indossare il cappello della distanza. Uno strumento alternativo che permetta loro di osservare rigide linee guida di distanziamento fisico per evitare un possibile contagio.

Quattro classi di primo anno pupiles a Yangzheng scuola a Hangzhou, capitale della provincia di Zhejiang in Cina orientale, hanno avuto l’ok a tornare in classe per la prima volta il 26 aprile. I docenti stanno preparando le lezioni per riavere i loro piccoli studenti. Il primo giorno di scuola sono state scattate delle foto e sono stati ripresi dei video che mostrano come i bambini indossano una maschera chirurgica e il proprio cappello da un metro fatto in casa. Il cappello ha uno strumento di misurazione lungo appunto un metro che sporge dai lati.

Come sono stati realizzati questi cappelli?

Molti di questi cappelli della distanza sono stati realizzati in cartone, anche se una ragazza ha deciso di costruirla con palloncini usati per creare animali da palloncino. Il vice preside Hong Feng ha dichiarato ai media locali che si tratta di una idea creativa, atta a promuovere lo slogan: “indossa un cappello da un metro, mantieni una distanza di un metro”.

Per aiutare i bambini della scuola a mantenere pratiche igieniche adeguate, non è permesso loro di avere alcun contatto fisico. Inoltre gli è stato detto che non possono rompere i loro cappelli speciali. È anche obbligatorio per i bambini indossare le loro maschere chirurgiche e devono sottoporsi a regolari controlli di temperatura.

Dal momento che il numero di casi di coronavirus aveva raggiunto livelli troppo alti, le scuole e le università avevano deciso di non riaprire. Ragion per cui, le lezioni in questo periodo si sono tenute online. I funzionari delle città di tutto il paese adesso, hanno autorizzato a riprendere le lezioni a scuola, con le dovute precauzioni. Gli alunni delle scuole medie e superiori nell’ultimo anno sono tornati in classe il 13 aprile e gli alunni della quarta, quinta e sesta elementare il 20 aprile.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

 

.

.

.

.

 

 

Cappello della distanza: creazione cinese per consentire il ritorno a scuola ultima modifica: 2020-05-02T05:32:51+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl