Rinnovo contratto, Giuliani: solo 50 euro di aumento lasciano l’amaro in bocca

Pasquale Almirante,  La Tecnica della scuola, 9.5.2017

– “Sul rinnovo del contratto del personale docente non è detto che si trovi un punto di congiunzione tra la volontà del Miur e quella dei lavoratori”.

“Il Governo non ha stanziato i soldi che i sindacati si aspettavano: 85 euro, che corrispondono a meno di 50 euro nette, dopo che è tutto fermo e bloccato dal 2009, sicuramente lasceranno ai lavoratori molto amaro in bocca”.

Così si è espresso Alessandro Giuliani, direttore dellaTecnica della Scuola, nel corso della trasmissione “L’angolo del direttore”, andata in onda l’8 maggio su Radio Cusano.

“Anche perché – ha aggiunto Giuliani – il ministro ha anche ribadito che una parte di questi aumenti verrà assegnato, attraverso la valutazione e il bonus annuale, solo ai docenti più meritevoli: quindi verranno assegnati tramite il comitato ad hoc, istituito in ogni scuola, sulla base delle indicazioni del Collegio dei docenti”.

 Per questo motivo, gli 85 euro lordi rappresentano solo una media nazionale e non un sicuro aumento per tutti, “come del resto previsto dalla Legge 107/2015” e prima ancora dalla legge di riforma del pubblico impiego del 2009, la Legge 150 tanto voluta dall’ex ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta, che ha introdotto anche nel settore pubblica la logica delle performance lavorative.

Il direttore ha ricordato che non ci dovremmo aspettare sorprese, perché “con questa politica andremo probabilmente avanti per un altro anno: l’impressione è che Governo e Fedeli andranno avanti sino a fine legislatura”.

La Fedeli dice che non si ricandiderà? “Ad oggi ci sembra un voler mettere il carro davanti al buoi, dal momento che il responso delle urne non è al momento prevedibile. E non affatto detto che il Pd possa tornare a governare”.

Sulle prove Invalsi alle superiori, Giuliani ha detto che lo sciopero dei comitati di base alle superiori (non autorizzato) non sarebbe stato con ogni probabilità molto gettonato. “Ma stavolta potrebbero essere gli studenti a non presentarsi a scuola, anziché i loro docenti.

Dall’anno prossimo, siccome con la Legge 107/15 i test nazionali avranno influenza diretta sull’ammissione agli Esami di Stato, gli studenti invece molto difficilmente parteciperanno alle iniziative di protesta”.

.

 

 

Rinnovo contratto, Giuliani: solo 50 euro di aumento lasciano l’amaro in bocca ultima modifica: 2017-05-09T16:53:18+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl