Chiamata diretta? Bloccata sul parere del collegio

Pasquale Almirante , La Tecnica della scuola, 29.3.2017

– L’autorità nazionale anticorruzione (Anac) ha puntato il dito sul rischio che l’accentramento del potere nelle mani del solo dirigente scolastico possa ingenerare corruzione.

In modo particolare, come più volte da noi sottolineato, sulla chiamata diretta: perchè è un meccanismo che potrebbe produrre favoritismi e discriminazioni.

Anche per tale intervento, l’amministrazione ha recepito che il procedimento di assegnazione degli incarichi comprenda un parere degli organi collegiali della scuola ed ha pure proposto al tavolo negoziale di scrivere un contratto che preveda l’acquisizione di un parere del collegio dei docenti.

Tuttavia, sembra proprio che su questo preciso punto, il parere del collegio dei docenti, non si sia raggiunto un accordo tra amministrazione e sindacati. In modo particolare, secondo “Italia Oggi”, il disaccordo sarebbe intorno al ruolo da affidare al collegio dei docenti, nell’ambito del provvedimento per individuare i docenti ai quali i dirigenti destineranno le proposte di incarico triennale previste dalla legge 107/2015.

Se per un verso, l’amministrazione vorrebbe che il parere dei prof fosse un atto formale, del quale il dirigente potrebbe non tenere conto, i sindacati lo vorrebbero vincolante. Così da indirizzare le scelte del dirigente all’interno di un quadro di regole, seppure limitanti l’esercizio della assoluta discrezionalità.

Infatti, sempre secondo “Italia Oggi”, mancando il parere vincolante, il dirigente avrebbe il potere di esercitare quella che gli addetti ai lavori chiamano «discrezionalità tecnica» una particolare tipologia di discrezionalità che può essere sindacata solo nel caso in cui le scelte risultassero palesemente irrazionali.

Resta il fatto, però, che allentando i vincoli dei dirigenti scolastici aumenterebbe anche il rischio, per i medesimi, di incorrere nella responsabilità penale. Che in materia di mobilità (la chiamata diretta rientra in tale materia) prima dell’avvento della legge 107/2015 non correvano alcun rischio.

.

Chiamata diretta? Bloccata sul parere del collegio ultima modifica: 2017-03-30T05:40:00+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Decalogo della legalità uguale

dalla Gilda degli Insegnanti della Provincia di Venezia, 21.9.2020. Ecco le effettive facoltà del dirigente anche…

4 ore fa

Galimberti, la ricetta: “Docenti selezionati con test personalità, genitori espulsi da scuola e 12 alunni a classe”

di Marco Barone, Orizzonte Scuola, 21.9.2020. “Bisogna estendere la filosofia a tutte le scuole e inserirla…

7 ore fa

Il sostegno dei disabili in crisi

TuttoscuolaNews, n.963 del 21.9.2020 158 mila alunni in attesa di docente. È crisi profonda per…

8 ore fa

I presidi chiedono di reintrodurre l’obbligo del certificato dopo l’assenza per malattia

Il Sole 24 Ore, 21.9.2020. La legge non prevede attualmente un obbligo di certificazione per rientrare…

8 ore fa

Pensione anticipata, come funziona la quota 100

di Noemi Secci, La legge per tutti, 19.9.2020 Che cos’è la pensione quota 100 e chi…

8 ore fa

Vivalascuola. Che fatica la vita da ministra! E figuriamoci da governati (male)

di Giovanna Lo Presti, Vivalascuola, La poesia e lo spirito, 14.9.2020. Curiamo la scuola. Che dura…

9 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy