Chiamata diretta: come si assegna la scuola a chi non presenta candidatura o non viene scelto dai Presidi

Orizzonte_logo14

di Nino Sabella, Orizzonte Scuola,  16.8.2016

scacchi31

– La chiamata diretta e’ in pieno svolgimento con i docenti della scuola secondaria di II grado alle prese con l’inserimento del CV e l’indicazione della scuola di partenza su istanze On Line, operazione questa iniziata il 16 agosto e che dovrà’ concludersi il 19 dello stesso mese.

In fase più avanzata è, invece, l’iter che condurrà i docenti della scuola dell’infanzia/primaria e secondaria di I grado dall’ambito alle scuole. Questi insegnanti, infatti, hanno già inserito il CV e indicato la scuola di partenza su Istanze On Line e inviato le candidature ai dirigenti scolastici; ricordiamo che i curriculum sono stati inseriti dal 92% degli insegnanti coinvolti per la scuola dell’infanzia/primaria e dal 93% per la secondaria di I grado.

La procedura dell’assegnazione dei docenti dall’ambito alle scuole, disciplinata dalle linee guida, si articola in due fasi: nella prima sono i dirigenti ad assegnare l’incarico ai docenti come abbiamo descritto in “Chiamata diretta: linee guida, cosa riguarda; nella seconda  fase, invece, sono gli USR ad assegnare i docenti alle scuole:

Nella seconda fase, ai sensi della normativa vigente, i docenti non assegnati ad alcuna Istituzione scolastica perché le loro candidature non hanno trovato accoglimento o perché non ne hanno presentate o perché il Dirigente scolastico non ha pubblicato il relativo avviso, sono assegnati dagli Uffici Scolastici Regionali alle istituzioni scolastiche. 

Da quanto sopra riportato, è chiaro che i docenti non hanno l’obbligo di presentare le candidature, così come i dirigenti non hanno l’obbligo di pubblicare gli avvisi per l’attribuzione degli incarichi, per cui può verificarsi che alcuni docenti non ricevano alcuna proposta e dovranno essere assegnati alle scuole dagli Uffici Scolastici Regionali.

La nota n. 20453 del 27/07/2016. illustra criteri, modalità e tempistica della procedura di assegnazione dei docenti alle scuole da parte degli USR. 
Questi ultimi, dopo che i dirigenti scolastici confermano gli incarichi assegnati tramite l’apposita funzione sul portale “individuazioni per competenze”, procederanno ad assegnare i docenti, che non hanno ricevuto alcuna proposta d’incarico, alle sedi (scuole) rimanenti.
L’assegnazione da parte degli Uffici scolastici avverrà sulla base del punteggio del trasferimento su ambito, partendo dalla scuola indicata dal docente su Istanze On line.
L’USR: 

  • stila una graduatoria – una per ciascuna classe di concorso e/o posto – sulla base del punteggio del trasferimento;
  • assegna i docenti alle scuole scorrendo la suddetta graduatoria e iniziando a verificare la disponibilità di posti dalla scuola indicata dal docente su Istanze On line,  per poi procedere secondo il criterio della viciniorietà.

Quanto alla tempistica dobbiamo distinguere tra scuola dell’infanzia/primaria/secondaria di I grado e scuola secondaria di II grado.

Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado: dal 18 agosto, data entro i cui i dirigenti devono confermare gli incarichi assegnati, al 22 agosto gli Uffici Scolastici regionali assegnano i docenti alle scuole.

Scuola secondaria di secondo grado: dal 26 agosto, data entro i cui i dirigenti devono confermare gli incarichi assegnati, al 31 agosto gli Uffici Scolastici regionali assegnano i docenti alle scuole.
Per i neo assunti, la procedura è la medesima di quella sopra descritta, mentre la tempistica sarà comunicata successivamente.

Tutto sulla chiamata diretta

Chiamata diretta: come si assegna la scuola a chi non presenta candidatura o non viene scelto dai Presidi ultima modifica: 2016-08-16T08:33:52+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl