Orizzonte Scuola, 1.11.2018

– E’ necessario giustificare e recuperare l’assenza al collegio dei docenti? Sì, il problema è capire con quale tipologia di permesso

La mancata presenza all’attività collegiale da va giustificata come se fosse un’assenza tipica(permessi per motivi personali, ferie, certificato medico ecc.).

E’ chiaro quindi che ci sono tipologie di assenze che non vanno recuperate (ferie, certificato medico), altre come il permesso breve, che è necessario recuperare.

Cosa accade se per giustifare l’assenza si usufruisce di “permessi brevi” di cui all’art.16 del CCNL/2007?

Tali ore debbono essere recuperate in ore di lezione o in interventi didattici, così come prevede il comma 3 dello stesso articolo: “Il recupero da parte del personale docente avverrà prioritariamente con riferimento alle supplenze o allo svolgimento di interventi didattici integrativi, con precedenza nella classe dove avrebbe dovuto prestare servizio il docente in permesso”.

Sembrerebbe dunque esclusa la possibilità che anche solo un’ora di permesso di cui all’art. 16 possaessere usufruita per giustificare l’assenza ad un incontro collegiale: le ore non di insegnamento sono infungibili con quelle di insegnamento.

Attenzione: vi è pure infungibilità fra le attività di cui alla lettera a) e quelle di cui alla lettera b) del secondo comma dell’art.29. (Le 40 ore per riunioni collegiali sono separate dalle 40 dei consigli di intersezione, interclasse e classe).

In alcune scuole però questa opportunità viene prevista e inserita nella contrattazione d’istituto.

Bisognerebbe a questo punto stabilire in quale “area” deve essere “restituita” l’ora di permesso. Non è infatti pensabile convocare un collegio o un consiglio di classe solo per consentire il recupero del tempo fruito da qualche docente come permesso.

Una soluzione suggerita e diffusa è quella secondo cui se erano stati previsti degli impegni eccedenti le 40 ore basterà sottrarre dalle ore eccedenti effettuate dal docente le ore non lavorate in ragione del permesso fruito.

In conclusione, potrebbe intervenire la contrattazione di istituto per prevedere le modalità di richiesta dei permessi e quelle di recupero. L’importante è che criteri e modalità siano chiari e uguali per tutti i docenti.

Sottolineiamo che una decisione in tal senso appare comunque come una forzatura ai dettati del CCNL, anche se prevista nella contrattazione d’istituto.

.

.

.

.

Collegio Docenti. Come si giustifica o recupera l’assenza ultima modifica: 2018-11-01T17:32:03+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Didattica online, caso politico La bozza sulla Dad firmata solo da due sigle su sei

di Marco Nobilio,  ItaliaOggi 27.10.2020. La bozza sulla Dad firmata solo da due sigle su sei.…

3 ore fa

Dad, prestazione e durata dubbie

di Marco Nobilio,  ItaliaOggi 27.10.2020. I docenti delle scuole chiuse dovranno lavorare da casa, ma non…

3 ore fa

Contagi, i conti non tornano. Impennata di casi negli ultimi 7 giorni

di Emanuela Micucci,  ItaliaOggi 27.10.2020. Azzolina rassicura, ma i dati regionali sono diversi. «I dati ci…

3 ore fa

I docenti in quarantena dovranno insegnare

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 27.10.2020. I docenti in isolamento o in quarantena (oggi ridotta…

5 ore fa

DID, Gilda non firma il contratto e chiede un tavolo politico

dalla Gilda degli insegnanti, 23.10.2020. Il contratto sulla didattica digitale integrata non ci trova d’accordo…

6 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy