Come evitare di incappare in sanzioni o problemi con la dirigenza (2)

dalla Gilda degli Insegnanti della Provincia di Venezia, 16.9.2020.

I Diritti dei docenti (assenze, permessi, ferie) sono regolati dalla Legge o dai contratti (CCNL).

Rapporto di lavoro: norme che lo regolano.

  • CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro). Il CCNL 2016-18 riprende molte delle norme presenti nel CCNL 2006-09 nonmodificando in particolare l’orario di lavoro dei Altre norme fondamentali di riferi- mento sono:
  • il lgs 16/4/1994, n. 297 (Testo Unico della legislazione in materia di istruzione) con particolare riferimento agli artt. 395, 447-452, 491;
  • il Decreto 8/3/1999, 245 (Regolamento sull’autonomia scolastica);

Il Decreto 28/11/2000 (Codice di comportamento  delle  Pubbliche  Amministrazioni).

Rapporto di lavoro: Orario di servizio (art 28, punto 5 del CCNL art.28 CCNL 2016-2018): 25 ore settimanali nella scuoladell’infanzia, 22 ore nella scuola primaria più due ore di programmazione, 18 ore nella secondaria di primo e secondogrado. Tutte le ore sono calcolate in 60 minuti.

Eventuali riduzioni dell’ora di lezione, se deliberati dal Collegio dei Docenti all’interno del Piano dell’Offerta Formativa,comportano il recupero delle ore non effettuate. Se la riduzione dell’ora di lezione è deliberata solo dal Consiglio di Istituto percause di forza maggiore (mancanza di trasporti adeguati per gli studenti, mancanza del servizio mensa, ecc.) le quote orarie noneffettuate non devono essere recuperate. Valgono in questo senso ancora le circolari ministeriali n.243 del22/9/1979 e n. 192 del3/7/1980.

  • Orario di servizio: è la durata di funzionamento del servizio scolastico, l’apertura della scuola con le sue
  • Orario di lezione: è l’orario che comprende le attività
  • Orario di lavoro: è la durata della prestazione del singolo lavoratore e comprende tutte le tipologie delle attività relative al proprio profilo professionale e alla specifica funzione. Per i docenti rientrano, oltre le ore di lezione, le attività funzionaliall’insegnamento (art. 29 CCNL), cioè fino a 40 ore (possono essere quindi programmate meno ore dal Collegio dei Docenti)per la partecipazione alle riunioni del Collegio, di programmazione (coordinamenti per materia, dipartimento, ), diinformazione alle famiglie dei risultati degli scrutini. E fino a 40 ore per la partecipazione ai consigli di classe (interclasse eintersezione). Fanno parte degli adempimenti individuali inquantificabili:
  • la preparazione delle lezioni, la correzione degli elaborati e i rapporti individuali con le famiglie Pertanto non c’è alcun obbligo di inserire l’ora di ricevimento nel quadro orario Ma è certamente obbligatorio per ogni docente definire (con ricevimento per appuntamento ad esempio) le modalità per dare adeguata informazione alle famiglie.
  • I ricevimenti pomeridiani collettivi possono essere deliberati dal collegio dei Docenti nel Piano delle attività di Istituto edevono essere conteggiati come parte integrante delle 40 ore dedicate all’attività del Collegio dei Docenti e delle suearticolazioni .

Non fanno parte della quantificazione dell’orario di lavoro: scrutini, esami, valutazioni intermedie (scrutini trimestrali oquadrimestrali) e, novità prevista dalla legge 107/2015, la formazione obbligatoria deliberata dalle istituzioni scolastiche (inprimis dal Collegio dei Docenti).

Nell’era COVID sarà difficile organizzare ricevimenti di massa dei genitori pomeridiani. Resta la possibilità/obbligo di mantenere adeguate relazioni con i genitori anche mediante strumenti di comunicazione telematica con opportuni appuntamenti programmati. Prendere sempre nota delle comunicazioni e degli incontri nel registro elettronico.

Le prove INVALSI (D.P.R. 122/2009 e successive disposizioni),

Anche per merito di una lunga battaglia della Gilda, sono state eliminate dalla valutazione dell’esame conclusivo del primo ciclo, ma sono considerate dalla delega della 107 ancora requisito essenziale per l’ammissione all’esame da svolgersi entro il mese di aprile.

La legge 35/2012 (vedi art. 51, comma 2 del DL 5/12) -decreto semplificazioni- assegna alle istituzioni scolastiche il compitodi partecipare come attività ordinaria di Istituto alle rilevazioni nazionali degli apprendimento degli studenti gestito dal-l’INVALSI. Si tratta di un provvedimento molto discutibile che interpreta la funzione docente come mera funzione esecutiva.Ribadiamo che, se è obbligatorio prov- vedere alla somministrazione delle prove all’interno del proprio orario di lavoro,l’attività di tabulazione e correzione delle prove è sempre da considerarsi lavoro aggiuntivo di natura volontaria e  come taleoggetto di adeguato riconoscimento in sede contrattuale di Istituto. Ciò vale ora soprattutto per la scuola primaria perchènella secondaria si è introdotta la metodologia telematica per la comunicazione all’INVALSI delle risposte ai quesiti. Se leprove invalsi prevedono l’assistenza dei docenti al di fuori del loro orario, queste devono essere riconosciute come attivitàaggiuntive. In più, la mera tabulazione dei dati sottrae al docente la cosiddetta competenza tecnica di correggere secondo leproprie con- vinzioni e quindi invade la libertà di insegnamento, costituzionalmente tutelata. La Gilda degli Insegnanti si èbattuta e continuerà a battersi perché le prove Invalsi siano considerate uno dei tanti strumenti che il docente, se vuole,può utilizzare nella propria attività didattica. Il rischio, se i docenti accettano passivamente la logica dell’Invalsi, è quello diallenare a risolvere test predisposti da “esperti” perdendo la libertà nelle scelte dell’insegnamento. I pessimi risultati delteaching to the test di stampo anglosas- sone sono noti da decenni nella letteratura di settore.

Nell’era COVID vedremo cosa si inventerà il MI per le prove Invalsi. Ricordiamo che Invalsi preme moltissimo per la programmazione delle prove per il 2020-21 soprattutto per legittimare la sua esistenza. Le nostre perplessità e critiche rimangono.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Come evitare di incappare in sanzioni o problemi con la dirigenza (2) ultima modifica: 2020-09-16T06:40:53+02:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Covid, la bozza delle linee guida Ue per Natale

di F.Q.  Il Fatto Quotidiano, 1.12.2020. “Allungare le vacanze scolastiche per evitare la diffusione dei…

35 minuti fa

Ammalarsi costa fatica ed anche denaro

di Antonio Marchetta, Orizzonte Scuola, 1.12.2020. La decurtazione dello stipendio in caso di malattia fino a…

10 ore fa

Ricambio d’aria contro il Covid, le scuole ferme alle finestre aperte

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Studio multidisciplinare sulla ventilazione. Scarsa ventilazione delle aule e sovraffollamento rischiano…

11 ore fa

Anno di prova e giorni di servizio: cambia qualcosa con il covid?

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 1.12.2020. Molti docenti neo immessi si chiedono se cambi qualcosa ai tempi…

12 ore fa

Cds: l’emergenza Covid-19 giustifica la stretta sulla scuola

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Il diritto alla salute prevale sul diritto all'istruzione La suprema magistratura…

13 ore fa

La nuova medicina INVALSI per la scuola in difficoltà: i test a uso locale

di Rossella Latempa, Roars, 30.11.2020. In pieno spirito natalizio, tenendo fede alla parola data durante la…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy