Concorso docenti, valutato servizio a tempo determinato e non meno di 180 giorni

Tecnica_logo15B

Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola  17.3.2016

pallottoliere-titoli7

– Il 30 marzo scade il termine ultimo per iscriversi al prossimo concorso docenti. In queste settimane, tuttavia, non sono mancati i dubbi, le incertezze e i malfunzionamenti del sistema Istanze Online.

Il Miur ha già fornito delle Faq per rispondere alle domande più frequenti dei tutti i candidati. Anche La Tecnica della Scuola ha fornito una serie di risposte per quanto concerne il concorso docenti.

Abbiamo già parlato dei chiarimenti in merito alla tassa per partecipare al concorso. Nei prossimi giorni, il Miur renderà disponibili altre Faq, ma nel frattempo facciamo chiarezza su alcuni punti.

Per quanto riguarda il bando della scuola dell’infanzia e primaria, come titolo d’accesso non si può presentare il concorso ordinario ante 2012, e nemmeno abilitazioni riservate, dato che l’unico titolo abilitante riconosciuto dal Miur è il diploma magistrale conseguito entro l’anno 2001/2002.

Altra questione su cui occorre far chiarezza è quella del servizio continuativo: infatti, il Miur ha confermato che sono valutabili soltanto i servizi prestati a tempo determinato, per un periodo continuativo non inferiore a 180 giorni. Da ciò deriva che, il servizio nella scuola paritaria a tempo indeterminato non viene valutato.

Concorso docenti, valutato servizio a tempo determinato e non meno di 180 giorni ultima modifica: 2016-03-18T05:11:24+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl