Concorso ordinario Stem, graduatorie entro il 31 agosto. E se slittassero?

La Tecnica della scuola, 24.5.2021.

Gilda Venezia

Il concorso ordinario scuola, per le discipline Stem verrà accelerato rispetto agli altri concorso ancora in sospeso, per volontà del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che punta sul rafforzamento dell’ambito tecnologico, come stabilito anche nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Una procedura talmente velocizzata che nella bozza del decreto Sostegni bis si legge l’ipotesi che le graduatorie (formulate a seguito della somma delle valutazioni della prova scritta e di quella orale) vengano formulate entro il 31 agosto. Tuttavia già la bozza stessa precisa che i tempi potrebbero slittare.

Nel comma 15 c) dell’articolo 59 si legge che la formazione della graduatoria va fatta entro la data del 31 agosto 2021, esclusivamente sulla base della somma delle valutazioni di cui alle lettere a) e b).

A seguire, nel comma 17 dell’articolo 59 tuttavia si chiarisce:

Le graduatorie delle procedure di cui al comma 14, se non concluse entro la data di cui al comma 15 lettera c), sono utilizzate nel corso degli anni successivi con priorità rispetto alle graduatorie delle procedure ordinarie.

BOZZA DL SOSTEGNI BIS

Ribadiamo quali classi di concorso sono in ballo con questo concorso.

Le discipline Stem, un acronimo che sta per Science, Technology, Engineering and Mathematics, vale a dire Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica, mettono in gioco per la scuola secondaria di secondo grado le seguenti classi di concorso:

  • A020 FISICA
  • A026 MATEMATICA
  • A027 MATEMATICA E FISICA
  • A041 SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE

Tempo di studiare. Quale programma?

Il concorso dovrebbe concludersi entro il mese di agosto 2021 al fine di poter coprire le cattedre disponibili già con il 1° settembre 2021. La graduatoria, secondo quanto si legge nella bozza del Decreto Sostegni bis, infatti, dovrebbe essere stilata entro il 31 agosto e si baserà sulla somma delle valutazioni della prova scritta e di quella orale.

Una scelta legata alla volontà del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi di rafforzare l’ambito tecnologico, come stabilito anche nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

I programmi, come da Allegato A del Ministero dell’Istruzione

Parte generale

Ecco una sintesi dei principali nodi concettuali generali, validi per ogni classe di concorso:

  • dominio dei contenuti delle discipline di insegnamento e dei loro fondamenti epistemologici, al fine di realizzare un’efficace mediazione metodologico-didattica, una solida progettazione curricolare e interdisciplinare e l’opportuna adozione di strumenti di osservazione, verifica e valutazione degli alunni;
  • conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo, della psicologia dell’apprendimento scolastico e della psicologia dell’educazione;
  • conoscenze pedagogico-didattiche e competenze sociali finalizzate all’attivazione di una positiva relazione educativa;
  • conoscenza dei modi e degli strumenti idonei all’attuazione di una didattica individualizzata e personalizzata, coerente con i bisogni formativi dei singoli alunni, con particolare attenzione all’obiettivo dell’inclusione scolastica;
  • competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento;
  • conoscenza dei principi dell’autovalutazione di istituto, con particolare riguardo all’area del miglioramento del sistema scolastico;
  • conoscenza della legislazione e della normativa scolastica, con particolare riguardo: alla Costituzione; alla Legge 13 luglio 2015, n. 107; all’autonomia scolastica; agli ordinamenti didattici del primo e del secondo ciclo di istruzione; alleindicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione; alla valutazione degli alunni e alla certificazione delle competenze; alla governance delle istituzioni scolastiche; allo stato giuridico del docente (contratto di lavoro, disciplina del periodo di formazione e di prova); all’inclusione degli alunni conbisogni educativi speciali (disabili, con disturbi specifici di apprendimento e con BES non certificati); ai disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico; alle linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo.

ALLEGATO A_Programmi per la preparazione al concorso

Programmi per classe di concorso

A020 -Fisica

A026 -Matematica

A027 – Matematica e fisica

A041 -Scienze e tecnologie informatiche

Ripartizione posti scuola secondaria

Modalità della prova d’esame

La bozza del Dl Sostegni bis stabilisce le modalità delle prove per le discipline Stem nell’articolo 59, comma 15. Una prova scritta con test a crocette e una prova orale, in sintesi, quanto si prevede per l’esame, come spiega il nostro vice direttore Reginaldo Palermo.

Prova scritta

Unica prova scritta (computer-based) con più quesiti a risposta multipla, volta all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulle discipline della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sullalingua inglese.

I 50 quesiti (ognuno di 4 risposte di cui una esatta, per un tempo complessivo di 100 minuti), saranno così suddivisi:

  • 40 sulla classe di concorso (allegato A al decreto del Ministro dell’istruzione 20 aprile 2020, n. 201);
  • 5 sull’informatica;
  • 5 sulla lingua inglese.

Valutazione della prova

Ciascuna risposta esatta vale 2 punti, zero punti valgono le risposte non date o errate. La prova è valutata al massimo 100 punti ed è superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti.

Per la classe di concorso A027-Matematica e Fisica:

i 40 quesiti della classe di concorso saranno così suddivisi: 20 quesiti di matematica e 20 quesiti di fisica.

Altri chiarimenti

La prova ha una durata massima di 100 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Non si dà luogo alla previa pubblicazione dei quesiti. L’amministrazione si riserva la possibilità, in ragione del numero di partecipanti, di prevedere, ove necessario, la non contestualità delle prove relative alla medesima classe di concorso, assicurandone comunque la trasparenza e l’omogeneità in modo da garantire il medesimo grado di selettività tra tutti i partecipanti.

Prova orale

La prova orale è valutata al massimo 100 punti e superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti. Ancora non è dato sapere su cosa verterà questa prova e se riuscirà a fornire indicazioni circa le competenze dei candidati, le loro capacità didattiche e progettuali, il loro sapere essere buoni insegnanti oltre che buoni conoscitori della disciplina.

.

.

.

.

.

Concorso ordinario Stem, graduatorie entro il 31 agosto. E se slittassero? ultima modifica: 2021-05-25T04:54:28+02:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl