Concorso scuola, se il candidato ha la febbre il giorno della prova, cosa succede?

Quale protocollo di sicurezza per la prova scritta?

Gilda Venezia

Il protocollo di sicurezza anti Covid per l’espletamento di un concorso scuola ha regole molto stringenti.

Infatti, il green pass (naturalmente obbligatorio per accedere alla prova) non basta ad avere l’ok alla sala computer. Il candidato dovrà anche sottoporsi al termoscanner (o altro termometro manuale che permetta la misurazione automatica) per la rilevazione della temperatura corporea.

Il punto è: cosa accade se il candidato mostra qualche linea di febbre in sede di concorso?

Il protocollo ministeriale stabilisce che qualora la temperatura corporea rilevata risulti superiore ai 37, 5 C°, il candidato non potrà accedere all’area concorsuale.

In questo caso il personale addetto alla vigilanza dovrà provvedere all’allontanamento del soggetto, accompagnandolo in un’apposita area dedicata all’isolamento del caso sospetto, una sorta di aula Covid delle procedure concorsuali, e dovrà tempestivamente avvertire le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il Covid 19 forniti dalla regione o dal Ministero della salute.

Il candidato può rifiutarsi di sottoporsi alla rilevazione della temperatura o di avvertire le autorità competenti qualora avesse la febbre? No, in un caso simile il personale di vigilanza sarebbe autorizzato a contattare le forze dell’ordine.

Peraltro il candidato è anche tenuto a informare tempestivamente i commissari del concorso e il comitato di vigilanza della presenza di qualsiasi sintomo influenzale, anche durante l’espletamento prova scritta, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti.

Prove suppletive?

Ricordiamo che nel caso del concorso straordinario, nonostante le pressioni dei sindacati, il Governo l’anno scorso non pianificò delle prove suppletive per i candidati eventualmente impossibilitati a partecipare, neanche in presenza di Covid accertato. In quell’occasione, tuttavia, coloro che fecero ricorso la spuntarono e per loro vennero predisposte delle prove aggiuntive ad hoc.

Come ha annunciato il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, a brevissimo, pare entro Natale, uscirà il bando che rimette in moto il concorso ordinario infanzia e primaria. Qualche giorno fa peraltro è stato pubblicato ilnuovo regolamento che attualmente è al vaglio della Corte dei conti.

Il protocollo di sicurezza

La prima tappa post bando sarà lo scritto, ovvero la prova computer based. Quali regole anti Covid bisognerà rispettare? Lo chiarisce il Ministero dell’Istruzione, che per tutte le fasi in presenza della prova concorsuale (inclusi gli orali), stabilisce una serie di vincoli sia sul fronte dell’attrezzatura delle aule sia su quello del comportamento dei candidati.

SCARICA IL PROTOCOLLO DI SICUREZZA

Regole per i candidati

  • a. igienizzarsi frequentemente le mani con il gel contenuto negli appositi dosatori all’ingresso;
  • b. indossare obbligatoriamente mascherine FFP2 che coprano correttamente le vie aeree (bocca e naso) messi a disposizione ai candidati. Non deve essere consentito in ogni caso nell’area concorsuale l’uso di mascherine chirurgiche, facciali filtranti e mascherine di comunità in possesso del candidato.
  • c. presentarsi da soli e senza alcun tipo di bagaglio (salvo motivate situazioni eccezionali). In tal caso il candidato utilizzerà un sacco contenitore in cui deporre il bagaglio, da appoggiare, chiuso, lontano dalle postazioni, secondo le istruzioni ricevute in aula);
  • d. non presentarsi presso la sede concorsuale se affetti da sintomi riconducibili al virus COVID- 19: temperatura superiore a 37,5°C e brividi; difficoltà respiratoria di recente comparsa; perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia); mal di gola.
  • e. non presentarsi presso la sede concorsuale se sottoposto alla misura della quarantena o isolamento domiciliare fiduciario e/o al divieto di allontanamento dalla propria dimora/abitazione come misura di prevenzione della diffusione del contagio da COVID19;
  • f. sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea, prioritariamente mediante termoscanner oppure nel caso in cui tale strumento non sia disponibile potranno essere utilizzati termometri manuali che permettano la misurazione automatica.

Gli obblighi di cui alle lettere d) ed e) devono essere oggetto di un’apposita autodichiarazione. SCARICA L’AUTOCERTIFICAZIONE ANDANDO A QUESTO LINK

L’obbligo di green pass

Naturalmente il candidato ha l’obbligo di presentare la Certificazione verde Covid-19.

Durante la prova i candidati dovranno:

  • rimanere seduti per tutto il periodo che precede la prova, durante e al termine dello svolgimento della stessa finché non saranno autorizzati all’uscita;
  • allontanarsi dalla propria postazione esclusivamente per recarsi ai servizi igienici o per altri motivi indifferibili.
  • indossare obbligatoriamente il facciale filtrante FFP2 messo a diposizione dalla amministrazione organizzatrice;
  • non consumare alimenti ad eccezione delle bevande di cui i candidati si devono munire preventivamente.

.

.

.

.

.

.

.

Concorso scuola, se il candidato ha la febbre il giorno della prova, cosa succede? ultima modifica: 2021-11-24T04:39:03+01:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl