Concorso secondaria: 24 CFU nella seconda prova scritta anche per docenti con tre anni di servizio

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola, 4.4.2019 

 

– Il concorso scuola secondaria che dovrebbe essere avviato in estate presenta delle caratteristiche diverse rispetto ai precedenti concorsi. A partire dai titoli di accesso, passando dalla tipologia di prove, fino alle graduatorie di merito.

Scrive una nostra lettrice

a proposito del concorso Scuola 2019, per i precari di terza fascia con almeno 3 anni di servizio, su scuola secondaria di II grado, mi chiedevo che poichè è prevista anche la II prova scritta sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche, di fatto renderebbe non fattibile per chi non possiede i 24 CFU VISTO CHE NON SONO OBBLIGATORI. Mi chiedevo allora che di fatto come se fossero obbligatori i 24 CFU che vertono proprio sulle tematiche anzidette altrimenti la II prova non sarebbe fattibile.”

Requisiti di accesso al concorso. Leggi tutto

Chi è esonerato dal conseguimento dei 24 CFU

  •  in prima applicazione, i docenti con 3 annualità di servizio, anche non continuativo, su posto comune o di sostegno, nel corso degli otto anni scolastici precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione. Partecipanoper una delle classi di concorso per le quali hanno un anno di servizio.
  • docenti con abilitazione per la classe di concorso specifica
  • docenti con abilitazione per altra classe di concorso o altro ordine di istruzione (vedi il caso docenti primaria)
  • docenti ITP fino al 2024/25

Qui le info su tutti i docenti esonerati dai 24 CFU

Prove scritte concorso (posti comuni)

Le prove scritte del concorso per posti comuni, per accedere ai ruoli della scuola secondaria di primo e secondo grado, sono tre, come leggiamo nel novellato D.lgs. n. 59/2017: 

due prove scritti + prova orale.

L’eventuale prova preselettiva sarà decisa in base al numero di candidati che presenteranno la domanda.

  • la prima prova scritta si propone di valutare il grado di conoscenze e competenze del candidato sulle discipline afferenti alla classe di concorso.
  • la seconda prova scritta si propone di valutare il grado di conoscenze e competenze del candidato sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e sulle metodologie e tecnologie didattiche.

Prove scritte posto comune: per tutti uguali

Ne consegue che per i docenti con tre annualità di servizio le prove sono le medesime di quelle degli altri candidati. Nello specifico, dovranno sostenere anche la seconda prova scritta, pur essendo esonerati dal conseguimento dei 24 CFU.

Il decreto non prevede alcuna distinzione, per cui le prove sono per tutti uguali e i docenti esonerati dai 24 CFU devono svolgere sia la prima che la seconda prova scritta.

L’esonero riguarda infatti il conseguimento dei 24 CFU come titolo di accesso, ma non la conoscenza delle materie oggetto dei 24 CFU.

D’altronde uno degli obiettivi dei concorsi targati Lega – M5S è quello di avere uno standard professionale unico per tutti i docenti, per cui concorso e a seguire anno di prova e formazione sarà uguale per tutti i candidati.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Concorso secondaria: 24 CFU nella seconda prova scritta anche per docenti con tre anni di servizio ultima modifica: 2019-04-05T04:52:29+02:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl