Concorsone scuola: il 25% dei test sarà in lingua inglese

ciociaria-Report24_logo15

Ciociaria Report 24,  14.1.2016.  

Giannin i203

A settembre, secondo le intenzioni del Ministro, oltre 63mila cattedre che attualmente sono ricoperte da insegnanti precari, saranno invece occupate da altrettanti insegnanti di ruolo e con assunzione a tempo indeterminato.

Intanto, cresce l’attesa per conoscere i dettagli anche della riforma delle classi di concorso, che dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri gà il 15 gennaio. Verosimilmente il riferimento è alla prova scritta, mentre la calendarizzazione della prova orale spetterà alla singola commissione e dipenderà dal numero di partecipanti per regione. A settembre i vincitori già in cattedra” ha tenuto a sottolineare il Ministro, rivelando: “Niente test, niente quiz né crocette. Lo scritto tutto su computer farà risparmiare tempo.

Le lingue straniere diventano un passaggio decisivo – aggiunge il Ministro – se pretendiamo ragazzi con l’inglese in tasca, servono docenti preparati.

Lingue straniere che tornano anche per l’esame orale: nei 45 minuti in cui l’aspirante docente dovrà simulare una lezione davanti ai valutatori del Miur, questi avranno anche l’occasione di testarlo sulla propria padronanza dell’inglese e delle altre lingue studiate. Avrà 10 ore a disposizione, 8 per un progetto di design. “In alcune materie ci sarà una terza prova di laboratori”.

E chi è ritenuto da una scuola per due volte non idoneo?

Per alcune categorie ci saranno punteggi maggiorati?  Ad esempio per “chi ha fatto un tirocinio abilitante, i cosiddetti Fa”. E infatti uno dei criteri di attribuzione dei punteggi prevede proprio un bonus per chi ha già lavorato almeno trentasei mesi: si tratta di circa 25 mila prof che, forti della sentenza della corte di Giustizia europea, scalpitano per entrare. Ma la differenze – sottolinea Giannini – la faranno le prove: 40 punti per lo scritto e 40 per l’orale su 100 punti totali. Per i vincitori del concorso scuola infine ci sarà un anno di prova in classe e nel caso di bocciatura “una seconda possibilità”, al termine della quale però in caso di risultato negativo non si potrà esercitare la professione di insegnante.

Concorsone scuola: il 25% dei test sarà in lingua inglese ultima modifica: 2016-01-14T17:15:04+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl