Consiglio di Stato: il Miur deve ripristinare la seconda ora di strumento

di Pasquale Almirante, La Tecnica della scuola, 7.6.2018

Nel merito, il Consiglio di Stato, con sentenza del 5 giugno, “in sede giurisdizionale (sez. VI), definitivamente pronunciando sull’appello n. 3546/2018, lo respinge”, rigetta cioè il ricorso in appello, presentato dal Miur contro la sentenza del Tar Lazio, con la quale era stato accolto un ricorso di alcuni genitori, che lamentavano la cancellazione della seconda ora di primo strumento a danno dei propri figli.

Una controversia inutile e dannosa

A provocare la controversia, peraltro inspiegabile e dannosa per tutti, era stata una nota del ministero dell’Istruzione (n. 21315 del 15 maggio 2017) con la quale l’amministrazione aveva trasformato la seconda ora di strumento in lezione di ascolto.

Riformulare le graduatorie

Ora però si apre un problema, che dimostra in ogni caso il superficiale  pressapochismo del Miur: come saranno formate e chi dovrà riformulare le graduatorie di strumento musicale? E quando? Un mezzo caos con ogni probabilità si annuncia se qualcuno non provvede a dare disposizione ai dirigenti sul modus operandi in questa fase, considerato che le ore di strumento aumenteranno e quindi ci sarà bisogno di personale con titoli validi.

Tranne che il Ministero lasci alla discrezione dei presidi tutta la materia.

Il piacere della confusione insomma, per consegnare gatte da pelare a scuole, docenti, personale e alunni.

Se non c’è caos al Miur che piacere c’è?

.

.

.

.

Consiglio di Stato: il Miur deve ripristinare la seconda ora di strumento ultima modifica: 2018-06-07T15:30:32+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl