Cosa nasconde il blitz anti-Invalsi di Bussetti & M5s

di Max Ferrario, il Sussidiario, 2.8.2019

– M5s, con la complicità di Bussetti, prova da mesi a depotenziare i test Invalsi, rendendoli facoltativi. Intanto ha tagliato i fondi all’istituto.

È stata stralciata all’ultimo momento dallo schema del decreto legge sulla scuola la norma che prevedeva in via definitiva – dopo il tentativo di ottobre 2018 che l’aveva previsto ma solo in via provvisoria – l’ammissione alla maturità senza avere sostenuto il test Invalsi. Era previsto nel testo che anche la prova Invalsi di terza media, che era rimasta nel 2019 obbligatoria per poter sostenere l’esame, diventasse dal 2020 facoltativa. La norma, sostenuta dai parlamentari 5 Stelle che l’avevano già proposta nell’ottobre scorso con l’approvazione del ministro Bussetti, sarebbe stata rinviata ai prossimi Consigli dei ministri per “evitare le polemiche”.

Sul fronte economico rimane invece l’attacco all’Invalsi, con un taglio del 15,4% rispetto all’importo dei finanziamenti ormai consolidati da anni, presente nello schema di riparto del Foe per il 2019 presentato sempre dal Miur alla Camera dei deputati il 17 luglio. Si tratta di una misura mirata a colpire in particolare Invalsi, poiché quasi tutti gli altri enti di ricerca hanno registrato aumenti considerevoli del budget e adottata in un momento in cui l’ente ha già assunto gli impegni finanziari relativi alle proprie attività, come indicato dallo stesso Miur nelle more del riparto 2019.

 

Negli ultimi tempi si era parlato di un rimpasto ministeriale in cui il Movimento 5 Stelle rivendicava la conduzione del Miur. Pare che non ve ne sia bisogno poiché il ministro Bussetti, forse per il disinteresse della Lega nei confronti della scuola, si fa puntualmente fedele interprete delle istanze di M5s. Istanze che mirano a silenziare le indagini Invalsi che evidenziano i limiti della scuola italiana soprattutto nei territori di riferimento del Movimento stesso, quelli meridionali. E delle quali deve avere molto infastidito la risonanza mediatica che sembrano aver registrato, anche a causa dello iato fra i risultati Invalsi e quelli degli esami di maturità. Un tentativo poco dignitoso sia per i rappresentanti politici sia per la scuola dei territori che vorrebbe coprire e che al contrario ingiustamente offende. Un tentativo che si spera venga definitivamente soffocato; in caso contrario non è difficile prevedere pesanti polemiche.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Cosa nasconde il blitz anti-Invalsi di Bussetti & M5s ultima modifica: 2019-08-02T08:43:11+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Maturità 2020: un decreto legge urgente per modificarla

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 30.3.2020 - Sulla questione dell’esame di Stato si sta arrivando…

8 ore fa

Rispetto per tutti i docenti

Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia La Gilda degli insegnanti ringrazia e sostiene tutti…

12 ore fa

Cara Ministra, la ringraziamo per l’attenzione rivolta finalmente ai docenti

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 30.3.2020 - Ma ci aspettiamo risposte chiare su tante…

13 ore fa

Mobilità 2020, ecco come delegare un collega per compilare la domanda

di Lucio Ficara, La Tecnica della scuola, 30.3.2020 - La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha precisato,…

13 ore fa

L’assalto ai forni e la resa dell’istruzione

  di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 30.3.2020 - L’assalto ai forni dei secoli passati,…

14 ore fa

Il cigno nero che cambierà la scuola italiana

TuttoscuolaNews, n. 943 del 30.3.2020 - Il coronavirus è certamente un cigno nero, un evento…

20 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy