Covid, fumata nera al vertice sulla scuola tra Conte, Azzolina e i capidelegazione

di Alex Corlazzoli, Il Fatto Quotidiano,  30.10.2020.

È braccio di ferro nella maggioranza, riconvocato sabato.

La ministra ha difeso l’apertura a spada tratta ma si è trovata di fronte Franceschini che non se l’è sentita di affermare che la scuola dev’essere l’ultima a chiudere. Dal canto suo Bonafede non ha potuto far altro che fare quadrato attorno alla sua ministra, ma a detta di chi era presente al vertice l’ha fatto con “timidezza”. Netta la posizione di Italia Viva: su questa partita sta con l’inquilina di viale Trastevere. Ma i governatori che decidono la chiusura non possono essere fermati.

Fumata nera a Palazzo Chigi. Il vertice urgente convocato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla scuola si è concluso con un niente di fatto ed è stato riconvocato sabato. Anzi una novità c’è: il governo ha alzato le mani di fronte alle Regioni che hanno scelto la chiusura delle scuole. L’incontro tra il premier, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e i capidelegazione dei partiti di maggioranza – ovvero il ministro Dario Franceschini per il Partito Democratico; il ministro Alfonso Bonafede per il Movimento 5Stelle e la ministra Teresa Bellanova per Italia Viva – è durato quasi due ore ma non ha portato ad alcuna decisione.

Sul tavolo di Palazzo Chigi si è consumato l’ennesimo braccio di ferro nella maggioranza: la ministra Azzolina ha difeso l’apertura della scuola a spada tratta ma si è trovata di fronte Franceschini che non se l’è sentita di affermare che la scuola dev’essere l’ultima a chiudere. Dal canto suo Bonafede non ha potuto far altro che fare quadrato attorno alla sua ministra ma a detta di chi era presente al vertice l’ha fatto con “timidezza”. Netta la posizione della Bellanova: Italia Viva, pur avendo posizioni diverse dalla Azzolina, su questa partita sta con l’inquilina di viale Trastevere.

Un clima, quello registrato a Chigi, che ha costretto Conte a rinviare tutto a domani ad un orario che ancora non è stato definito. Sul tavolo resta la spinosa questione delle ordinanze regionali. Sembra che non vi sia l’intenzione di aprire un dialogo con i governatori della Campania e della Puglia, lasciando loro la libertà di decidere. La ministra dell’Istruzione non ha il potere per opporsi ai presidenti di Regione, visto che l’ultimo Dpcm lascia a questi ultimi la possibilità di “rinforzare” nel misure previste nel decreto. Il governo ha lasciato ampio margine alle Regioni e l’ipotesi che altri presidenti possano adottare la didattica a distanza al 100% come in Lombardia, Piemonte, Umbria e Sicilia non è remota.

Immediata la reazione di Gabriele Toccafondi, ex sottosegretario all’Istruzione e capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera: “Non si chiude la scuola con un tratto di penna o una ordinanza. La scuola non è semplicemente un ufficio pubblico, una funzione pubblica, un compito da fare. La scuola è un percorso educativo fatto di rapporti umani. Prima di chiuderla bisogna veramente provarle tutte, ma proprio tutte”. Intanto l’Istituto superiore di Sanità ha certificato che l’ambito scolastico rappresenta il 3,8% dei contagi.

A fornire i numeri è stato Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità. In occasione della conferenza stampa dell’Iss che ha preannunciato l’uscita a breve di un focus specifico sulla scuola, dopo le polemiche delle ultime ore sul numero dei contagi negli istituti scolastici, è emersa qualche indiscrezione. A spiegare la situazione ci ha pensato il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro: “La curva che noi oggi abbiamo di crescita è analoga a quella della popolazione generale ma è altrettanto vero che stiamo collaborando strettamente con il ministero dell’Istruzione per analizzare i dati e per poter fonire un’analisi un po’ più dettagliata che uscirà nelle prossime giornate anche per manifestare la massima attenzione e per fare in modo di tutelare da una parte il funzionamento della scuola dall’altra la salute di tutta la popolazione”.

.

.

.

.

.

.

.

 

 

 

Covid, fumata nera al vertice sulla scuola tra Conte, Azzolina e i capidelegazione ultima modifica: 2020-10-31T06:32:15+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Covid, la bozza delle linee guida Ue per Natale

di F.Q.  Il Fatto Quotidiano, 1.12.2020. “Allungare le vacanze scolastiche per evitare la diffusione dei…

10 minuti fa

Ammalarsi costa fatica ed anche denaro

di Antonio Marchetta, Orizzonte Scuola, 1.12.2020. La decurtazione dello stipendio in caso di malattia fino a…

10 ore fa

Ricambio d’aria contro il Covid, le scuole ferme alle finestre aperte

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Studio multidisciplinare sulla ventilazione. Scarsa ventilazione delle aule e sovraffollamento rischiano…

10 ore fa

Anno di prova e giorni di servizio: cambia qualcosa con il covid?

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 1.12.2020. Molti docenti neo immessi si chiedono se cambi qualcosa ai tempi…

12 ore fa

Cds: l’emergenza Covid-19 giustifica la stretta sulla scuola

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Il diritto alla salute prevale sul diritto all'istruzione La suprema magistratura…

13 ore fa

La nuova medicina INVALSI per la scuola in difficoltà: i test a uso locale

di Rossella Latempa, Roars, 30.11.2020. In pieno spirito natalizio, tenendo fede alla parola data durante la…

14 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy