Categorie: Insegnanti

DaD all’italiana: ovvero abuso, requisizione, lavoro coatto a danno dei docenti

di Vincenzo Pascuzzi, La scuola brucia! / School is Burning!,  31.3.2020

– Premessa –

In base a quello che si può rintracciare e leggere in rete, la DaD – Didattica a Distanza – innescata dalla ministra Azzolina si può configurare come un abuso, una forzatura, un approccio sbrigativo, approssimato, “all’italiana” (o alla carlona, donchisciottesco, alla brancaleone, …. ) di un problema grave, serio e di una possibile “soluzione” che poteva avere una qualche validità, utilità e significato.
Invece dal Ministero di viale Trastevere è partito una specie di diktat; diktat che presidi-ds zelanti (non tutti ovviamente) hanno subito interpretato, lo, dettagliato, rafforzato e riversato sui docenti, facendo (o credendo di fare) bella figura nei confronti del Ministero stesso, delle famiglie, dell’opinione pubblica e mettendosi così al sicuro da possibili critiche, addebiti, accuse di omissioni. Altro notevole pregio e vantaggio per Ministero e presidi-ds è quello di aver addossato sulle spalle dei docenti tutte tutte le responsabilità dell’andamento e dell’esito dell’iniziativa DaD!

Requisizione

Nei fatti, i docenti hanno subito la requisizione dei loro computer privati, dei loro abbonamenti a internet, del loro ambiente familiare e casalingo privato (scrivania, sedie, luce elettrica, telefoni, ….); e ciò è avvenuto con atti para-amministrativi impropri, con quasi-intimidazioni mediatiche e collettive, con condizionamenti individuali o di gruppo. Insomma abusando, eccedendo di autorità, e con ciò compromettendo la c.d. RaR che pure poteva avere qualche senso e validità.

Lavoro coatto

Nelle condizioni sopra accennate, distorcere e ridurre il principio della libertà di insegnamento alla sola “scelta” delle modalità di effettuazione della DaD, ebbene questa distorsione configura la fattispecie del lavoro coatto o forzato ai sensi della Convenzione n. 20 dell’ILO

Studenti sprovvisti di computer o di connessione

Infine, il Ministero ha asfaltato le situazioni esistenti degli studenti che risultano sprovvisti di computer o di connessione: peggio per loro!
P.S. L’articolo “I docenti e la DAD: non SE farla ma COME farla” (TuttoscuolA, 30 marzo 2020) è attinente alle considerazioni svolte.

Definizioni da internet

►La requisizione è l’atto giuridico con cui si priva un soggetto dei suoi diritti di possesso (e talvolta la proprietà) di un bene. È cioè un provvedimento con il quale la pubblica amministrazione, nell’esercizio di un potere ablatorio, sottrae al privato, in via temporanea o definitiva, il godimento di un bene, mobile o immobile, a motivo del superiore interesse pubblico, contro un indennizzo.
►Requisizione. Provvedimento con cui la pubblica amministrazione incide coattivamente sulla sfera patrimoniale del privato, come nel caso dell’espropriazione e dell’occupazione, privandolo della proprietà (requisizione in proprietà) o limitandolo nel godimento di un bene su cui vanta un altro diritto reale (requisizione in uso).
La requisizione ha carattere eccezionale ed è adottata per gravi e urgenti necessità pubbliche, militari o civili (art. 835 c.c.) e nei casi in cui vi siano leggi speciali che la prevedono (per es., r.d. 1741/1940). Al soggetto privato che subisce la requisizione spetta una indennità commisurata secondo criteri individuati dalle singole disposizioni legislative.
►lavoro coatto: attività obbligatoria imposta al condannato
►Il lavoro forzato – o lavoro punitivo – è una forma di lavoro non spontaneo che può avere valore di punizione per l’infrazione di leggi che regolano la convivenza sociale o di occupazione a scopo di rieducazione e recupero. Nel primo caso costituisce una vera e propria pena ed è conseguente ad uno stato di detenzione.
Secondo la definizione contenuta nella Convenzione n. 20 dell’International Labour Organization, lavoro forzato è ogni lavoro o servizio imposto sotto minaccia di sanzioni e per il quale la persona non si è offerta spontaneamente.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
DaD all’italiana: ovvero abuso, requisizione, lavoro coatto a danno dei docenti ultima modifica: 2020-04-01T04:20:59+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia
Tags: CovidDocenti

Recent Posts

GPS. Sesta convocazione da 2 fascia per le secondarie di I e II grado

USR  per il Veneto, Ufficio I, A.T. di Venezia,  4.12.2020. Scadenza entro e non oltre…

6 ore fa

«Concorso straordinario, la mia compagna e io esclusi per colpa del Covid»

di Simone Colombero e Cecilia Buonsant,  Il Corriere della sera, 4.12.2020. La storia di due…

6 ore fa

Educazione civica, l’occasione per sfidare l’individualismo dominante

di Andrea Caspani, il Sussidiario, 4.12.2020. Il libro “La sfida dell’educazione civica” vuole coinvolgere i…

20 ore fa

Supplenti: quando arriva lo stipendio per contratti Covid?

di Teresa Maddonni, Money.it, 3.12.2020. Per molti supplenti con contratto Covid il primo stipendio è…

22 ore fa

Vaccini scuola, Arcuri: i docenti sono una categoria esposta al virus

di Carla Virzì,  La Tecnica della scuola, 3.12.2020. In conferenza stampa, il commissario straordinario per l’emergenza…

23 ore fa

Diritto di sciopero, le principali novità dopo la preintesa

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 3.12.2020. Ieri abbiamo dato notizia della sottoscrizione all’ARAN…

23 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy