Categorie: InsegnantiSicurezza

De Luca ‘visionario’: sulla scuola c’azzecca sempre

di Rocco Mannetta, Scuola in Forma, 7.1.2021.

Il presidente Vincenzo De Luca ha scelto di posticipare il rientro a scuola anticipando le mosse del Governo.

Il Presidente De Luca, anche questa volta, ha avuto ragione, sulla scuola si intende, individuando come giorno per la ripresa delle attività didattiche in presenza l’11 Gennaio.

Nonostante una buona situazione della Campania. Nella Regione, infatti, l’indice Rt è allo 0,78 e non ci sono segnalazioni di allerte attive per quanto riguarda la resilienza dei servizi sanitari locali, De Luca si mantiene prudente e decide di scaglionare il rientro attraverso un programma settimanale, anche per capire come evolve l’epidemia in un momento in cui la Germania fa un lockdown più rigido, l’Inghilterra uno fino a metà febbraio la Francia insegue.

La decisione

Mentre il governo centrale ancora tardava a decidere, il Presidente De Luca forniva, il 4 gennaio,  le modalità di ripresa in un comunicato stampa, che riportiamo:

’Unità di Crisi della regione Campania si è riunita per un’analisi dettagliata dei dati epidemiologici in relazione alla possibilità di un ritorno in presenza a scuola al termine delle vacanze natalizie. Sulla base di tale analisi e della relazione che confluirà in un’ordinanza entro la mattinata di domani, è stato deciso che le scuole in Campania riapriranno lunedì 11 gennaio 2021. In tale data potranno tornare in classe gli alunni della scuola dell’infanzia e delle prime due classi della scuola primaria, esattamente com’era prima della chiusura delle scuole per la pausa natalizia. A partire dal 18 gennaio sarà valutata dal punto di vista epidemiologico generale, la possibilità del ritorno in presenza per l’intera scuola primaria, e successivamente, dal 25 gennaio, per la secondaria di primo e secondo grado.

Resta confermato che per quanto riguarda la DAD (Didattica a distanza) anche in Campania le lezioni riprenderanno regolarmente il 7 gennaio.

Il Governo centrale

Il giorno dopo, il governo decide (con non poche polemiche) di riprendere le attività in presenza il giorno 11 (solo per le superiori).

Qualcuno si chiederà se si poteva fare di più. Forse a livello nazionale si poteva fare di più ma adesso è il momento di prendere le decisioni migliori e di tutelare la salute e De Luca ci ha visto giusto.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

De Luca ‘visionario’: sulla scuola c’azzecca sempre ultima modifica: 2021-01-07T21:14:05+01:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Vaccino: finalmente anche ai docenti con più di 65 anni!

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 5.3.2021. Dopo la richiesta della Gilda degli insegnanti di…

6 ore fa

Studenti e ministro sono d’accordo: l’89% dei ragazzi preferisce una verifica solo orale

Il Sole 24 Ore, 5.3.2021. Per una volta studenti e ministro sono d'accordo: in queste condizioni,…

9 ore fa

Il Covid è cambiato, ora più contagi nella scuola primaria e d’infanzia

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 5.3.2021. Ogni Regione risponde a modo suo. Il…

9 ore fa

Svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile

Sinergie di scuola, 4.3.2021. Con nota n. 325 del 3/03/2021 il MI ha fornito indicazioni…

10 ore fa

Il primato della teoresi

di P. Di Remigio e F. Di Biase, Roars, 4.3.2021. L’articolo dedicato alle “competenze” da Francesco…

10 ore fa

Vincolo quinquennale: un altro incontro il 5 marzo, ma puramente tecnico e forse non si deciderà nulla

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 4.3.2021. E’ in programma domani alle ore 15…

10 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy