Categorie: InsegnantiStampa

Def 2019, la prospettiva prevedibile per i contratti

dal blog di Gianfranco Scialpi, 12.4.2019 

– Def 2019, ha confermato il quadro desolante, ma assolutamente prevedibile. Assolutamente prevedibile. Le parole, le dichiarazioni  sono azzerate dai numeri. Meglio dalle regole che in uno stato democratico  rimandano alla normativa vigente.

Def 2019, valori e percentuali per i contratti pubblici

Il def 2019 ha dedicato una finestra al rinnovo dei contratti pubblici. Si legge a pagina 31
Fra i fattori di incremento della spesa si segnala il rinnovo contrattuale per il triennio 2019-2021 che prevede, in base alle risorse stanziate dalla legge di Bilancio per il 2019, incrementi dell’1,3 per cento per il 2019, dell’1,65 per cento per il 2020 e dell’1,95 per cento complessivo a decorrere dal 2021. Considerato che la stagione contrattuale 2016-2018 non è ancora conclusa, la previsione sconta l’ipotesi che i CCNL per il triennio 2019-2021 verranno sottoscritti a decorrere dal 2020. Con riferimento al nuovo triennio contrattuale, per l’anno 2019 è stata considerata la  sola spesa per l’anticipazione contrattuale decorrente dal mese di aprile (corrispondente sostanzialmente all’indennità di vacanza contrattuale prevista dal precedente ordinamento)…”

Def 2019, una facile previsione per i contratti

Lo stralcio rappresenta la pietra tombale per i proclami al vento. Quasi tutti fanno riferimento all’adeguamento degli stipendi degli insegnanti alla media europea (Di Maio, Zingaretti…). Dichiarazioni basate sul nulla! In uno stato di diritto, sono le leggi a stabilire le regole. Dura lex, sed lex.
Il riferimento normativo che prevede aumenti esigui è il D.Lvo 29/93. Il disposto ha ingabbiato gli aggiornamenti economici di tipo contrattuale al tasso di inflazione programmato, quindi non reale. A medio termine, le previsioni non sono positive. Il Pil tenderà a non crescere, il nostro debito pubblico non diminuirà  e  l’inflazione programmata rimarrà un esercizio a tavolino, lontana dalla realtà. Tutto questo comporterà salari bassi che dovranno restare tali in un regime di una moneta unica, che impedisce le storiche svalutazioni competitive. Tutto questo è a conoscenza dei sindacati che però, come ho scritto recentemente, continuano a spostare l’attenzione dalla luna al dito.

.

.

.

.

Def 2019, la prospettiva prevedibile per i contratti ultima modifica: 2019-04-13T05:01:45+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia
Tags: DEFGoverno

Recent Posts

Esami di stato e compenso per il docente in regime di part-time

 Obiettivo scuola, 21.6.2021. IL PART-TIME Il rapporto di lavoro a tempo parziale (part-time) si caratterizza…

3 ore fa

Concorso docenti. USR Veneto

dalla Gilda degli insegnanti Venezia, aggiornamento del 21.6.2021. Tutti gli esiti delle prove svolte in…

4 ore fa

Il calcolo del punteggio delle utilizzazioni

di Giuseppe de Tullio, InfoDocenti.it, 21.6.2021. La valutazione del punteggio nella mobilità annuale segue criteri differenti a seconda che…

8 ore fa

Concorso STEM: calendarizzate le prove scritte su cui incombe il rischio di bocciature

TuttoscuolaNews, n. 999 del 21.6.2021. Nella prima decade di luglio gli oltre 60mila candidati che…

11 ore fa

Sono queste le idee del ministro sulla maturità?

Astolfo sulla luna, 20.6.2021. Si potrebbe dire che la misura è colma, solo se si…

11 ore fa

Assunzioni dopo 3 anni e assegnazioni provvisorie per tutti, si fa dura

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 21.6.2021. Solo un emendamento a partito al Sostegni-bis.…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy