Docenti sostegno, carriere separate?

di Pasquale Almirante, La Tecnica della scuola, 29.8.2018

– “C’è un buco da 50 mila posti di insegnanti di sostegno, ma gli insegnanti chiedono un’altra cattedra dopo il periodo obbligatorio”.

Il Redattore Sociale, riporta un intervento di Salvatore Nocera,già vice presidente di Federazione italiana per il superamento dell’handicap, che aggiunge, riferendosi all’assunzione stabile di 13.342 docenti di sostegno: “In Italia c’è una mancanza di posti di ruolo di docenti specializzati nel sostegno che supera i 50 mila posti. Ben 40 mila sono quelli nominati senza essere specializzati oltre ad avere parecchi insegnanti che la formazione specifica ce l’hanno ma non sono di ruolo”.

.

Continuità didattica

Per questo, aggiunge Nocera, “noi come Fish stiamo discutendo al ministero dell’articolo 14 del decreto legislativo 66, applicativo della ‘Buona Scuola’, che riguarda proprio la continuità didattica, per fare modo che i precari non si alternino troppo”.

Per Nocera la grande “beffa sarebbe se tutti o una parte di questi 13.342 insegnanti decidessero di andare alla ricerca di una cattedra comune perché la legge lo consente  dopo i cinque anni di sostegno”.
.

Separazione delle carriere

Fish combatte da anni una battaglia per “ottenere la separazione delle carriere fra cattedre ‘disciplinari’ e sostegno, con due concorsi, due graduatorie, abilitazioni e periodi di formazione diversi”.

Occorre dunque, dice Nocera, un cambiamento di struttura e di approccio: “Il ministero dovrebbe parlare con singole università e il coordinamento dei Rettori per realizzare dei precisi corsi di specializzazione, in modo tale da avere il numero di docenti specializzati sul sostegno che possano fra fronte ai vuoti attualmente esistenti in Italia”.

Perché  “la grossa carenza strutturale è al nord mentre la ricerca di posti come sostegno di ruolo avviene maggiormente al sud”.

.

.

.

Docenti sostegno, carriere separate? ultima modifica: 2018-09-12T03:59:14+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Esami di stato e interrogativi: tutti promossi, ma come?

di Pasquale Almirante, La Tecnica della scuola, 3.4.2020 - Se la didattica a distanza sta funzionando,…

5 ore fa

Didattica a distanza, profili critici della valutazione

di Dino Caudullo, La Tecnica della scuola, 3.4.2020 - Dal momento in cui, in piena emergenza,…

5 ore fa

A futura memoria: il nostro comunicato di ieri su scrutini ed esami

di Sergio Casprini, Andrea Ragazzini, Giorgio Ragazzini, Valerio Vagnoli, Il Gruppo di Firenze,  2.4.2020 - Con…

11 ore fa

Didattica a distanza, vademecum per docenti e studenti

di Mauro Piras, Il Sole 24 Ore, 31.3.2020 - Undici tesi sulla didattica a distanza. È vitale…

14 ore fa

Scuola, tutti promossi ma almeno lasciamo che i debiti facciano giustizia

di Simone Cosimi, Wired, 3.4.2020 - Il decreto sulla maturità e la fine dell'anno scolastico prende…

14 ore fa

Scuola, per quest’anno niente bocciature

di Alessandra Ricciardi,  ItaliaOggi, 3.4.2020 - Per i maturandi si annuncia un esame light. E…

17 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy