E’ lecito che la scuola usi gli indirizzi privati dei docenti?

Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 27.3.2017

– E’ lecito che la scuola invii comunicazioni attraverso una lista di posta elettronica in cui gli indirizzi sono visibili a tutti? Si configura violazione della privacy?

La domanda ci viene posta da una nostra lettrice, infastidita dal fatto di ricevere molteplici comunicazioni con questa modalità.
La questione potrebbe essere così inquadrata.

Intanto si tratta di capire se gli indirizzi utilizzati sono istituzionali o meno.
Per esempio se i docenti sono inseriti con indirizzi del tipo

oppure

è difficile parlare di violazione delle norme sulla privacy.

Diverso è il caso se la scuola utilizza gli indirizzi personali del tipo

In questo caso effettivamente può essere che non a tutti faccia piacere far conoscere il proprio indirizzo di posta elettronica (peraltro va osservato che, in ogni caso, si tratta di un dato personale ma non di un dato sensibile).

Più in generale risulta però difficile da capire per quale motivo gli indirizzi vengano lasciati “in chiaro”, dato che inviare una mail nascondendo gli indirizzi è operazione quanto mai semplice. La cosa è ancor più paradossale se si pensa  alla quantità non disprezzabile di risorse che l’Amministrazione sta impiegando per la “scuola digitale”.
E’ davvero curioso che ci siano ancora scuole che non sono in grado di risolvere in modo semplice ed efficace problemi davvero banali come questo.
Più della possibile violazione delle norme della privacy, c’è da preoccuparsi di un altro dato: ma in che modo le scuole spendono i soldi per la “digitalizzazione”?

.

E’ lecito che la scuola usi gli indirizzi privati dei docenti? ultima modifica: 2017-03-27T21:46:33+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl