Formazione docenti: va migliorata. Il Ministro ha già qualche idea in merito

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 19.2.2021.

Non basta dire che la formazione in servizio è obbligatoria, permanente e strutturale, come recita il comma 124 della legge 107/2015 né basta stabilire che le scuole debbano inserire nel PTOF il piano annuale rivolto ai docenti e a tutto il restante personale.

Lo sottolineano gli esperti del “Comitato dei 18”, coordinato a suo tempo dall’attuale ministro Patrizio Bianchi; esperti che però fanno osservare che “ci sono contrapposizioni con le parti sociali, non ancora risolte, rispetto alla collocazione e alla obbligatorietà delle ore da dedicare alla formazione nel quadro complessivo dell’orario previsto per la funzione docente”.

Il Comitato, e quindi lo stesso Ministro, evidenzia le diverse criticità emerse in questi anni a partire dal fatto che non sempre ci sono stati collegamenti efficaci tra i corsi effettuati dai docenti e le attività (didattiche e organizzative) realizzate nelle specifiche istituzioni scolastiche.
Per non parlare dei problemi legati ai “parametri di costo, imposti a livello nazionale, che si sono rivelati pressoché inadeguati”; probabilmente il Comitato intende riferirsi al fatto che i compensi previsti per i relatori sono modesti e non sempre hanno consentito di selezionare adeguatamente i formatori.

Tanto che – sostiene il Comitato – sarà assolutamente necessario “stabilire nuovi standard organizzativi, di funzionamento e di costo che siano adeguati e realisticamente applicabili, ma anche facilitare il procurement della formazione (bandi, chiamate dirette…)”
Senza trascurare la necessità di “accertare, valutare e certificare, attraverso forme semplici ma efficaci, le competenze acquisite (non bastano i questionari di gradimento o la semplice verifica di poche nozioni)” oltre che di “dare rilievo ai processi di autoformazione e alle ricerche metodologiche e didattiche delle comunità di pratiche (formalizzazione dei percorsi, dossier, patti professionali, portfolio…)”.

Insomma, al nuovo Ministro il tema della formazione in servizio sta particolarmente a cuore e non mancano le idee su come intervenire.

Formazione docenti: va migliorata. Il Ministro ha già qualche idea in merito ultima modifica: 2021-02-20T06:06:22+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

L’elaborato di terza media e quello che il ministero non dice

di Corrado Bagnoli, il Sussidiario, 11.5.2021. Esame di terza media, elaborato finale. Parafrasando Eliot, è…

2 ore fa

Permessi L. 104/92 – Fruibilità oraria anche per i lavoratori in smart working

di Maria Carmela Lapadula,  La Tecnica della scuola, 11.5.2021. L’ Ispettorato Nazionale del Lavoro, con…

4 ore fa

Scuola d’estate, quali risorse e modalità per ottenerle

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 11.5.2021. Con una faq pubblicata sul portale…

5 ore fa

Scuola: riduzione mobilità e aumento stipendi nel patto tra Miur e sindacati

di Teresa Maddonni, Money.it, 11.5.2021. Scuola: la riduzione degli anni per la mobilità, l’aumento degli…

7 ore fa

Patto per la scuola, concorsi, esami di stato. Assemblea della Gilda degli insegnanti

Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia,  10.5.2021. La Gilda degli insegnanti del Veneto organizza…

7 ore fa

Gli stipendi dei docenti gridano vendetta, stanziare risorse adeguate

dalla Gilda degli insegnanti, 11.5.2021. Di Meglio: "Non è più tollerabile questo scivolamento costante verso…

8 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy