Gilda: il cruscotto della ministra, mission impossible

dalla Gilda degli insegnanti, 13.82020.

A tutt´oggi nessuna evidenza pubblica del famoso cruscotto

e dei dati che alle scuole servirebbero per definire le misure di sicurezza.

Nel caldo ferragostano il personale delle oltre 8.000 scuole italiane è alle prese con le attività necessarie a far tornare in presenza e in sicurezza le studentesse e gli studenti in tutte le Istituzioni scolastiche dal mese di settembre.

Le difficoltà maggiori le scuole le stanno incontrando nel reperimento degli spazi che dovranno garantire il distanziamento e quindi la riduzione del numero di alunni per classe.Gilda: il cruscotto della ministra, mission impossible » in Comunicati A tutt´oggi nessuna evidenza pubblica del famoso cruscotto e dei dati che alle scuole servirebbero per definire le misure di sicurezza.

Purtroppo, nonostante le precoci dichiarazioni della ministra, che già il 26 giugno annunciava nel “Piano scuola 2020/2021” la predisposizione di “un cruscotto informativo” che “consentirà di poter definire il distanziamento e di rendere evidente i casi in cui gli spazi non risultino sufficienti” ad oggi, quando mancano 15 giorni alla ripresa delle attività didattiche, non abbiamo alcuna evidenza pubblica del famoso “Cruscotto” e dei dati che alle scuole servirebbero per definire le misure di sicurezza.

Al contrario registriamo – afferma Rino Di Meglio – coordinatore della Gilda degli Insegnanti che le scuole e gli Enti locali stanno procedendo in modo del tutto autonomo e lamentano i ritardi del ministero.

La Gilda ritiene che reperire gli spazi per contenere il numero degli alunni per classe sia assolutamente necessario se non si vuole ricorrere alla Didattica dell’emergenza, integrata o mista che dir si voglia.

Siamo molto preoccupati – continua Di Meglio – da quanto emerge dagli atti ufficiali del ministero dell´istruzione dai quali risulta chiaro che le preoccupazioni dell´Amministrazione siano orientate alle scuole dell´infanzia e primaria, soprattutto per soddisfare le richieste dei genitori dei più piccoli, perché rivelano una concezione della scuola non come luogo di sapere, ma come centro di accoglienza e assistenza.

La ripresa delle lezioni in presenza dovrebbe essere garantita in tutti gli ordini di scuola e a tutte le studentesse e gli studenti senza alcuna ipotesi di didattica a distanza o mista, tranne che nel caso di un nuovo, non augurabile, lockdown.

Roma, 13 agosto 2020
Ufficio Stampa Gilda Insegnanti

Allegati

.

.

.

.

 

.

.

.

 

Gilda: il cruscotto della ministra, mission impossible ultima modifica: 2020-08-13T18:37:22+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Depennamenti GPS di I e II fascia

USR  per il Veneto, Ufficio I, A.T. di Venezia,  29.9.2020.   Personale DOCENTE – Esclusione…

4 ore fa

Supplenze: lasciare un incarico in corso per altra supplenza. Ecco tutti i casi

Orizzonte Scuola, 29.9.2020. Termine delle lezioni, delle attività didattiche o annuale È prioritariamente utile chiarire…

6 ore fa

Gli alunni senza mascherina sospesi dalle lezioni, così in Alto Adige si previene il secondo lockdown

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 29.9.2020. Mano pesante verso gli alunni dell’Alto Adige sorpresi…

8 ore fa

Concorsi scuola, facciamo il punto della situazione

di Vittorio Borgatta, InfoDocenti.it, 29.9.2020. Sappiamo che la Azzolina vuole iniziare i concorsi scuola da quello straordinario…

11 ore fa

Il Pd chiede un (altro) rinvio, è scontro sul concorso

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 29.9.2020. I concorsi nella scuola tornano a spaccare la maggioranza.…

18 ore fa

Supplenti ‘Covid’, alcuni chiarimenti

di Sabrina Maestri, Scuola in Forma, 28.9.2020. Come è stato chiarito più volte, quest’anno, data la…

19 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy