Categorie: Stampa

Gli italiani e l’inglese, un rapporto lungo una vita

La Stampa 6.10.2017

– I risultati di un sondaggio realizzato da ABA English
sulle ore dedicate allo studio e sugli strumenti preferiti.

Lo studio dell’inglese è sempre un argomento di attualità, ma con l’inizio del nuovo anno scolastico molti italiani stanno pensando di metter finalmente in pratica il buon proposito di migliorare il proprio livello. Secondo i risultati di un sondaggio realizzato da ABA English tra oltre 1.900 italiani, il 26% degli italiani studia inglese da oltre dieci anni. L’Italia guida la classifica dei paesi che si impegnano da più tempo per padroneggiare la lingua insieme ai cugini spagnoli (26%); il dato supera la media globale (21%). Il 12% degli intervistati in Italia dichiara invece di studiare l’inglese da un periodo compreso tra i 4 e i 9 anni, il 31% tra 1 e 3 anni, mentre il 31% lo fa da meno di 1 anno.

Eppure solo il 50% dedica oltre 2 ore a settimana allo studio dell’inglese, un dato di gran lunga inferiore rispetto a quello offerto dal resto dei paesi presi in esame. Il 68% degli intervistati brasiliani, ad esempio, dichiara di trascorrere 2 o più ore a settimana studiando inglese. Nel 68% dei casi, i cugini spagnoli dedicano oltre due ore a settimana alla lingua della regina, seguiti nella classifica da francesi (64%) e messicani (60%).

Il sondaggio mette anche in evidenza un trend di decrescita rispetto al tempo dedicato all’inglese. Infatti, se confrontata a un anno fa, la dedizione degli italiani sembra essere diminuita di 9 punti percentuali: nel 2016 ben il 59% dichiarava di dedicare all’inglese oltre 2 ore a settimana.

Purtroppo lo scarso impegno nello studio sembra avere ricadute sul mondo del lavoro. Il 40% degli intervistati ha dichiarato di aver perso un’opportunità lavorativa (nuovo impiego o promozione) a causa di una scarsa conoscenza dell’inglese.

Rispetto ai dati dello scorso anno, si consolida la preferenza degli italiani per lo studio dell’inglese su smartphone: il 42% degli intervistati afferma che il modo preferito per praticare l’inglese è attraverso un dispositivo mobile (tablet o smartphone). Il 37% studia con l’ausilio di un computer e il 21% combina l’uso di entrambe le tecnologie (smartphone e computer).

.

.

Gli italiani e l’inglese, un rapporto lungo una vita ultima modifica: 2017-10-07T06:57:44+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

DaD: mancano all’appello un milione e 600mila studenti

di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola, 29.2.2020 - I numeri snocciolati in…

2 ore fa

Della didattica e della giusta distanza

di Alessandra Condito, Educazione & Scuola, 28.3.2020 Da settimane non si fa altro che parlare, come…

8 ore fa

Alcune note sulla didattica a distanza

di di Stefano Stefanel, Scuola Oggi, 28.3.2020 - La didattica a distanza è una Didattica…

11 ore fa

Perché è illegittimo far firmare sui registri elettronici

Prof. Franco Labella,  DirittoScolastico.it, 28.3.2020 - Lo scopo di queste note non è alimentare conflitti…

11 ore fa

Coronavirus. Indicazioni operative per le Istituzioni scolastiche ed educative

di Luigi Rovelli, Scuola in Forma, 28.3.2020 - Nota Miur del 28 marzo su Decreto…

12 ore fa

Mobilità 2020, si parte con la domanda dei docenti

di Lucio Ficara, La Tecnica della scuola, 28.3.2020 - VIDEO sulla compilazione della sezione Anzianità del…

13 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy