Gps, linea dura del Tar Lazio

di Dino Caudullo,  La Tecnica della scuola, 11.12.2020.

Il Tar Lazio sta utilizzando il “pugno di ferro” sui ricorsi in materia di graduatorie provinciali per le supplenze.

Respinti i ricorsi collettivi

Dopo il rigetto dei ricorsi con cui, a vario titolo, si invocava l’inserimento in prima fascia, arrivano pure le pronunce di inammissibilità di molti ricorsi collettivi per “non omogeneità” della posizione dei ricorrenti.

Sui ricorsi individuali il tema non cambia

E’ di qualche giorno addietro infatti, una sentenza (n.13260 del 10.12.2020) con cui è stato respinto il ricorso di un aspirante che, per errore materiale, non aveva “flaggato” la casella del modulo di domanda on line relativa ai servizi di insegnamento prestati.

In particolare, in fase di compilazione della domanda in via telematica per l’inserimento nelle GPS, il ricorrente era incorso in un errore materiale, non selezionando, con apposito “flag” sulle rispettive caselle, i periodi di servizio prestati e valutabili già automaticamente caricati nel sistema, impedendo così il salvataggio e l’inoltro degli stessi.

A nulla è valso invocare in sede di ricorso il principio del c.d. “soccorso istruttorio” da parte dell’Amministrazione, previsto dalla legge 241/90 secondo cui, tra i compiti del responsabile del procedimento, quello di poter “chiedere il rilascio di dichiarazioni e la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete”.

Non è applicabile il “soccorso istruttorio” in caso di mancata allegazione dei titoli

Secondo il Tar Lazio tuttavia, nel caso di specie non sarebbe applicabile il predetto principio, in quanto non risultava allegata alla domanda la documentazione inerente i titoli di servizio, rappresentando un limite all’attivazione del soccorso istruttorio la mancata allegazione di un titolo valutabile in sede concorsuale, atteso che l’ammissibilità di dichiarazioni postume, ossia oltre il termine di presentazione delle domande, si risolverebbe in una violazione della par condicio dei candidati.

Nel caso di specie, secondo il Tar, il ricorrente non aveva rilasciato alcuna dichiarazione con riferimento ai periodi di servizio espletati, e non poteva quindi parlarsi di dichiarazione incompleta.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Gps, linea dura del Tar Lazio ultima modifica: 2020-12-12T04:44:17+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Il ministero dell’istruzione nel pallone

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 22.4.2021. Draghi e Bianchi si sono arresi dopo l'intervento delle…

6 ore fa

Nuovo decreto Covid, le novità

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 22.4.2021. Arrivano certificazioni verdi, novità su vaccinazioni, alunni…

7 ore fa

Decreto Covid, alunni alle superiori almeno al 70%: il Governo alza la quota nelle zone gialle e arancioni

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Cambio dell’ultimo momento nella percentuale di presenza…

7 ore fa

Recalcati: “basta parlar male della Dad”!

di Gabriele Ferrante,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. “Basta parlar male della didattica a distanza!…

7 ore fa

Supplenze e maternità: illegittimo escludere dall’assunzione la lavoratrice madre in gravidanza

Obiettivo scuola, 21.4.2021. Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante…

7 ore fa

Perdenti posto, chi arriva a domanda condizionata non deve andare in coda

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Una nostra lettrice che insegna in Sardegna ci…

7 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy