Categorie: Insegnanti

Grazie ai nostri bravi insegnanti

di Dacia Maraini, Corriere della Sera, 17.2.2020

– Mi chiedo, girando per le scuole, se in Italia ci siano due Paesi: uno fatto di scuole piene di ragazzini ignoranti, dediti solo a scrivere scemenze sui cellulari e uno con scuole e ragazzi vogliosi di apprendere, che studiano, inventano mondi e pensieri nuovi. Possibile che io sia tanto fortunata da capitare sempre in questo secondo tipo di scuole mentre chi denuncia lo sfacelo e il degrado degli studenti capita in quelle del primo tipo?

Scuola Martin Luther King, di Caltanissetta, cittadina proverbialmente remota e poco considerata. Eppure qui ragazzini dai nove ai tredici anni hanno organizzato una orchestra di una ventina di elementi e suonano con una sapienza da rimanere ammirati. Coordinati da alcuni insegnanti preparati e sostenuti da una preside piena di idee, leggono in classe romanzi e saggi, li commentano e poi scrivono a loro volta poesie in dialetto sui temi di rilievo.

Lo stesso entusiasmo, la stessa disciplina, la stessa voglia di apprendere e stare alle regole le ho trovate nella Scuola media Tisia D’Imeria di Termini Imerese, nell’Istituto comprensivo Verga e la Scuola media Don Bosco di Canicattì, nel Liceo Eschilo di Gela, nella Scuola elementare Plesso ex Capuana di Mazzarino, nel Liceo Fardella Ximenes di Trapani, nonché nell’IC Quasimodo di Floridia e nella Scuola istituto Mazzini di Vittoria, nel C.P.I.A. Manzi di Siracusa, nel Liceo Boggio Lera di Catania, bambini di sei e sette anni fanno teatro, mostrando di parlare bene e muoversi con intelligenza sul palco. Disegnano, imparano la geografia giocando.

Parlando con gli insegnanti scopro che anche loro giudicano la vulgata sul degrado degli studenti come impropria e non veritiera. Le prove Invalsi fatte con le crocette e le domande prefabbricate non aiutano a capire il valore dei ragazzi.

La mia idea? Che la Scuola come istituzione effettivamente sia ridotta a pezzi. Ma esiste una rete di insegnanti preparati, dediti alla propria missione, che reggono sulle loro spalle la Scuola, come la leggenda racconta che fece un certo Cola Pesce che era bravissimo a recuperare le cose perse nel mare. Andava, raccoglieva e portava a galla. Ma un giorno non tornò: Cola aveva scoperto che una delle tre colonne su cui si reggeva l’isola era spezzata e lui decise di rimanere immerso per tenerla su.

Così fanno i nostri bravi insegnanti, pagati poco, e senza più autorità riconosciuta, per tenere su la Scuola.

Vogliamo ringraziarli ?

Grazie ai nostri bravi insegnanti ultima modifica: 2020-02-18T08:32:00+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia
Tags: Docenti

Recent Posts

Le modifiche al Dl Rilancio su scuola e università

di Amedeo Di Filippo, Il Sole 24 Ore, 7.7.2020. Personale, finanziamenti e didattica in presenza. Diverse le…

4 ore fa

Gilda Venezia. Orari estivi

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia,  giugno 2020. La Gilda degli insegnanti di Venezia informa…

4 ore fa

L’autonomia scolastica eterodiretta covid 19

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 7.7.2020. Le indicazioni per la riapertura delle scuole nel…

5 ore fa

Ora la Fondazione Agnelli ci spiega pure come deve essere la scuola del futuro

di Angelo Cannatà, Il Fatto Quotidiano,  6.7.2020. Sul giornale della Fca, Andrea Gavosto, direttore della Fondazione…

5 ore fa

Decreto Rilancio: classi ridotte ma senza ulteriori finanziamenti

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 6.7.2020. Inizia il 6 luglio l’esame nell’aula della Camera…

5 ore fa

Assunzione costante di nuovi docenti e formazione iniziale: l’idea di Ascani (PD)

di Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola, 6.7.2020. Stop con gli anni infiniti di precariato…

5 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy