I 3 giorni di permessi retribuiti ( art.15 comma 2 ) sono un diritto del docente

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola, 11.10.2019

–  Tre sentenze da citare in caso di contenzioso –

Riportiamo alcune sentenze che ribadiscono il diritto del docente nel poter usufruire dei tre giorni di permesso per motivi personali.
Queste tre sentenze gettano luce sugli aspetti fondamentali che possono essere di aiuto qualora si configuri un rifiuto dirigenziale di concedere la fruizione dei permessi retribuiti ai dipendenti:
  • il potere discrezionale che molti dirigenti scolastici si arrogano malgrado non vi sia alcuna traccia contrattuale legittima;
  • il principio in capo al dipendente di documentare i permessi  anche “mediante autocertificazione” e in ordine a questo punto stabilire quale sia il limite entro cui sia possibile giustificare apertamente i propri motivi personali e familiari;
  • il diritto del dipendente di fruire, qualora avesse esaurito i tre giorni di permessi retribuiti, per gli stessi motivi addotti nell’art.15 comma 2, “motivi personali o familiari”, dei “sei giorni di ferie durante i periodi di attività didattica di cui all’art.13, comma 9, prescindendo dalle condizioni previste in tale norma”.
Quindi i permessi retribuiti ai sensi dell’art.15 comma 2 si configurano come un diritto che il dipendente chiede a domanda, senza che si aspetti alcuna concessione discrezionale.
.
.
.
.
.

.

.
.
.
.
.

.

.
.
.
.
.

.

.
.
.
.
.
.
I 3 giorni di permessi retribuiti ( art.15 comma 2 ) sono un diritto del docente ultima modifica: 2019-10-11T05:26:10+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl