Il premio al merito dei prof? Forse sarà cancellato

di Pasquale Almirante, La Tecnica della scuola, 21.5.2018

– Buona scuola da smantellare o da aggiustare? Fra non molto lo sapremo, mentre si va profilando una possibile riformulazione dei fondi da destinare al merito, i quali, secondo quanto anticipa Il Sole 24 Ore, passerebbero, dagli attuali, compresi fra un  minimo di 548,53 milioni a un massimo di 79.218 (in media ogni prof ha ricevuto 207 euro lordi), a 130 milioni per poi risalire a 160 a regime dal 2019.

“Settanta milioni- precisa Il Sole 24 Ore– sui 200 stanziati dalla Buona Scuola serviranno infatti a finanziare gli aumenti previsti dal recente rinnovo del contratto che consentiranno anche agli 1,1 milioni di dipendenti della scuola (e dunque non solo ai docenti) di avvicinarsi o sfondare il muro degli 85 euro di aumento previsti per il resto della Pa. Fermo restando che a decidere i parametri per le singole scuole saranno i comitati di valutazione mentre la lista dei prof premiati verrà compilata dai dirigenti scolastici”.

Tuttavia il punto, secondo Il Sole, sarebbe un altro, e quale?

Siccome il nuovo Governo giallo-verde, in base alla promesse fatte, vorrebbe “intervenire massicciamente sul precariato. Sia sul fronte dei maestri magistrali sia su quello dei supplenti con oltre 36 mesi. A quel punto i 130 milioni quest’anno (160 a regime) che restano appostati sul merito diventerebbero un’occasione troppo ghiotta per non essere sfruttata”.

.

.

.

 

Il premio al merito dei prof? Forse sarà cancellato ultima modifica: 2018-05-21T12:34:20+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl