“Il bonus da 500 euro non è una mancia, ma un riconoscimento”

Tecnica_logo15B

Alessandro Giuliani ,  La Tecnica della scuola  13.12.2015.  

500-Euro

Per il premier Renzi, il bonus da 500 euro per i docenti “non è una mancia, ma è una cosa giusta: un riconoscimento del valore degli insegnanti”.

Dal palco della Leopolda, il presidente del Consiglio non ha solo auspicato “più dettati e riassunti già dalle elementari”, ma ha anche ammesso che “sulla scuola c’è ancora molto da fare”. Prendendo, ad esempio positivo, proprio la recente assegnazione dei 500 euro a circa 600mila docenti di ruolo, finalizzati alla loro formazione (attraverso corsi certificati, materiali di supporto, aggiornamenti, ecc.). E da riassegnare annualmente, dal 2016/17 attraverso la card prevista dalle Legge 107/15.

Il riferimento del premier è al fatto che la decisione di assegnare ai nostri prof i fondi per aggiornarsi, senza precedenti nella nostra scuola, non ha determinato solo consensi: alcuni insegnanti, infatti, hanno parlato di mancia. Minacciando anche di restituirla, indignati. Ora, Renzi, cerca di puntualizzare: è solo un riconoscimento. Punto e basta.

Il premier, sempre dal palco fiorentino, ha parlato pure di merito: gli americani dicono ‘wow’ quando una cosa va bene, da noi gli italiani dicono ‘mah’. Noi dobbiamo imparare a dire più ‘wow'”. Per Renzi, in Italia dobbiamo invitare ad avere più fiducia, per esortare e tornare “all’ottimismo, contro il disfattismo”.

“Quando uno ha successo, non è importante di chi è amico”, ha proseguito richiamando alla meritocrazia, “ed ecco perchè la valutazione a scuola e nella pubblica amministrazione e il merito sono la chiave della lettura della Leopolda”, ha concluso il premier.

“Il bonus da 500 euro non è una mancia, ma un riconoscimento” ultima modifica: 2015-12-13T22:14:15+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl