Il Foglio, 23.11.2019

– L’assurda promozione di uno studente bocciato mina la competenza della scuola –

Ha voglia il ministro Lorenzo Fioramonti a togliere le buste dall’esame di maturità, perché “non deve essere una lotteria”. Ha voglia Carlo Calenda a scrivere manifesti mettendo la scuola in cima agli allarmi nazionali. La schizofrenia di un paese in cui niente può accadere, niente è vero, se non lo ha deciso prima la magistratura ha intaccato, ormai da molto tempo, anche la pubblica istruzione.

Non parliamo solo di sindacati o di ricorsi al Tar per i concorsi. C’è un punto in cui l’apparato dei tribunali – in combinato disposto, solitamente pernicioso, con le famiglie – arriva a minare l’istituzione scolastica in quanto sede di una competenza specifica, e il lavoro degli insegnanti in quanto dotato di una propria autonomia e di un proprio valore. Poi qualcuno ogni tanto lancia l’allarme sulla perdita di autorità di chi sta in cattedra, ma è un parlare a vuoto.

Il caso è quello di un ragazzino di seconda media, in provincia di Cremona, che era stato bocciato in prima media. Il padre aveva presentato ricorso contro il ministero e la scuola, il Tar lo aveva accolto. Ora il Consiglio di stato ha confermato: lo studente può accedere alla seconda classe.

Bocciato dai professori, promosso dalla magistratura. Il problema non è denunciare che “la scuola che non boccia è senza più autorità”, è un argomento banale e passatista, lo faranno altri ma non noi. I giudici hanno scritto che “l’ammissione alla classe successiva nella scuola secondaria di primo grado deve fondarsi su un giudizio che faccia riferimento unitario e complessivo a periodi più ampi rispetto al singolo anno scolastico, e ciò ‘anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline’”. Di fatto, hanno sancito il principio che non è giuridicamente possibile bocciare in prima media.

Chiunque conosca un minimo il lavoro (e la responsabilità) degli insegnanti, sa che molte volte una mancata bocciatura è un aiuto a maturare, e a volte è invece il contrario. Valutazione difficile, e il tempo ne è una componente, “riferimento unitario”. Ma l’autorità di queste valutazioni è dei professori, non dei giudici.

Invece, il Consiglio di stato ha stabilito che la loro competenza è pari a niente. Ha bocciato loro.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Il Consiglio di stato che boccia i prof. ultima modifica: 2019-11-23T18:31:53+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Linee guida per una scuola miope

di Marcello Bramati, Panorama, 3.7.2020. Le aule riapriranno fra due mesi, cioè dopodomani, in una…

4 minuti fa

Azzolina firma il decreto: 855 milioni per la manutenzione straordinaria

Rai News, 3.7.2020. La ministra dell'Istruzione ha firmato oggi il decreto con il quale vengono…

25 minuti fa

Misure di sicurezza, Di Meglio: fare presto per il bene della scuola

dalla Gilda degli insegnanti, 3.72020. Il coordinatore nazionale in merito all’incontro con il Cts per…

5 ore fa

Graduatorie provinciali, come e in quali casi si utilizzeranno per le supplenze

di Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola, 3.7.2020. Si attende il decreto ministeriale relativo alle…

8 ore fa

Addio alla mail di @istruzione.it

di Giuseppe de Tullio, InfoDocenti.it, 3.7.2020. Tutti i possessori della mail di @istruzione.it dovranno dire addio al…

13 ore fa

GPS. Tagli ai titoli delle tabelle di valutazione

  Gilda degli insegnanti di Venezia, 3.7.2020 Tabelle di valutazione delle Graduatorie Provinciali Supplenze. Tagli…

14 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy