Categorie: BESMiurSostegno

Il decreto Inclusione approvato in via definitiva, tante novità

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 1.8.2019

– Bussetti: partono i percorsi personalizzati –

Via libera dal Consiglio dei ministri, in via definitiva, il decreto inclusione, con qualche modifica rispetto al testo esaminato in via preliminare lo scorso mese di maggio.

Le ore settimanali decise assieme alle famiglie

In attesa di un riscontro effettivo del testo, il Miur comunica che il provvedimento contiene “nuove norme a favore degli alunni con disabilità” compiendo “un passo avanti decisivo per allineare l’Italia, già all’avanguardia nei servizi per gli studenti con disabilità, alla nuova visione internazionale dell’integrazione”.

Sono diverse le novità introdotte rispetto al decreto legislativo 66 dell’aprile 2017, applicativo della Buona Scuola, “a partire dall’assegnazione delle ore di sostegno, che verrà decisa d’intesa con le famiglie, sussidi, strumenti, metodologie di studio non saranno più elaborati in modo “standard”, in base al tipo di disabilità, ma con un Piano didattico individualizzato che guarderà alle caratteristiche del singolo studente”.

Coinvolta tutta la comunità scolastica

Sempre secondo le anticipazioni del Miur, l’intera comunità scolastica sarà coinvolta nei processi di inclusione. Viene rivista la composizione delle commissioni mediche per l’accertamento della condizione di disabilità ai fini dell’inclusione scolastica: saranno sempre presenti, oltre a un medico legale che presiede la Commissione, un medico specialista in pediatria o neuropsichiatria e un medico specializzato nella patologia dell’alunno.

Anche i genitori e, dove possibile, se maggiorenni, gli stessi alunni con disabilità, potranno partecipare al processo di attribuzione delle misure di sostegno.

Arrivano i Git

Nascono i Gruppi per l’Inclusione Territoriale (Git), formati su base provinciale, ovvero nuclei di docenti esperti che supporteranno le scuole nella redazione del Piano Educativo Individualizzato (PEI) e nell’uso dei sostegni previsti nel Piano per l’Inclusione. I GIT avranno anche il compito di verificare la congruità della richiesta complessiva dei posti di sostegno che il dirigente scolastico invierà all’Ufficio Scolastico Regionale.

Nelle scuole arriva il Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione

A livello scolastico opererà il Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione, composto dal team dei docenti contitolari o dal consiglio di classe, con la partecipazione dei genitori dell’alunno con disabilità, delle figure professionali specifiche, interne ed esterne all’istituzione scolastica che interagiscono con l’alunno stesso, nonché con il supporto dell’unità di valutazione multidisciplinare e con un rappresentante designato dall’Ente Locale. Il Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione avrà il compito di redigere il Piano Educativo Individualizzato, compresa la proposta di quantificazione di ore di sostegno.

Bussetti: un obiettivo che ho fortemente voluto

“Sono particolarmente orgoglioso del provvedimento approvato oggi in via definitiva – ha detto il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti -. Un obiettivo che ho fortemente voluto fin dall’inizio del mio mandato e che è stato raggiunto tramite il confronto costante con le associazioni del settore e con l’Osservatorio permanente per l’inclusione scolastica. Anche su questo tema così importante, possiamo presentare alle famiglie i risultati del nostro impegno concreto”.

“Ogni studente – ha concluso Bussetti – deve essere protagonista del proprio percorso di crescita. I ragazzi che hanno bisogno di maggiore assistenza, da oggi potranno beneficiare di percorsi elaborati appositamente per loro, su base individuale. Uno strumento che potrà migliorare ulteriormente l’importantissimo lavoro svolto dai nostri docenti”.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Il decreto Inclusione approvato in via definitiva, tante novità ultima modifica: 2019-08-01T05:19:30+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Graduatoria interna di istituto: come si individuano i soprannumerari. Criteri

Orizzonte Scuola, 24.1.2020 - La posizione occupata nella graduatoria interna di istituto è determinante per l’individuazione dei docenti soprannumerari in…

2 ore fa

Ricostruzione di carriera, cosa cambia dopo la sentenza della Cassazione

di Dino Caudullo,  La Tecnica della scuola, 24.1.2020 - VIDEO - A fine novembre è stata depositata dalla Cassazione una…

2 ore fa

Scuola, quante ore lavora veramente un docente?

di Claudia Scalia, Scuola in Forma, 24.1.2020 - Ecco quanto vale in € il lavoro ‘sommerso’ Il lavoro sommerso del…

9 ore fa

Precari e formazione iniziale: perché tutte le ricettre sono fallite?

di Max Ferrario, il Sussidiario, 24.1.2020 - Su precari, concorsi, reclutamento e formazione iniziale il sistema è allo sbando completo. La…

9 ore fa

Pensioni, riscatto laurea agevolato anche per i «vecchi» studenti

di Francesca Barbieri, Il Sole 24 Ore, 24.1.2020 - Maglie più larghe per il riscatto agevolato della laurea per raggiungere prima la…

10 ore fa

Correzione compiti in classe: per i docenti 36 ore di lavoro non pagato

La Tecnica della scuola, 23.1.2020 - Il cambio di Ministro non impedisce di portare alla luce delle proposte di cambiamento…

10 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy