Il padre dell’alunna entra in classe e insulta la docente: 2 mesi di reclusione per interruzione di pubblico servizio

Tecnica_logo15B

Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola  29.4.2016

lupo4a

– I genitori che entrano di soprassalto in classe, per insultare e minacciare i docenti dei figli compiono un reato penale, perchè provocano interruzione di pubblico servizio.

Il caso è accaduto sette anni fa, nel 2009, in una scuola primaria delle Marche: nell’istituto Santa Maria Apparente di Civitanova, un uomo di 63 anni entrò senza permesso con il deliberato scopo di prendersela con la docente di sostegno della figlia.

Fu denunciato, la giustizia ha fatto il suo corso ed ora il giudice lo ha condannato a due mesi per interruzione di pubblico servizio.

Secondo quanto riporta Il Corriere Adriatico, l’uomo avrebbe urlato alla docente: «Non provare ad avvicinarti alla  mia bambina. Te la farò pagare per quello che hai fatto.  Sei una incompetente, se non sarai sollevata dall’incarico le farà passare un anno di inferno».

Il giudice, però, gli ha inflitto solo due mesi di reclusione per interruzione di pubblico servizio, assolvendolo, invece, dal reato di ingiurie perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato.

Ergo, la sentenza sarebbe potuta essere ancora più severa verso il genitore-bullo.

Il padre dell’alunna entra in classe e insulta la docente: 2 mesi di reclusione per interruzione di pubblico servizio ultima modifica: 2016-04-30T04:45:27+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl