Invalsi. La doppia faccia della dispersione

Tuttoscuola, 8.9.2019

– Al Sud 1 ragazzo su 3 non ha competenze per comprendere un testo –

Lo avevano già rivelato i risultati delle ultime prove Invalsi 2019, ora lo stesso Istituto lo ribadisce: la dispersione scolastica ha due facce. La prima è quella esplicita, relativa agli alunni che si perdono e che non riescono a raggiungere il diploma. La seconda, quella di cui si parla meno, l’implicita, che invece descrive gli studenti che arrivano sì al diploma, ma senza aver raggiunto i traguardi minimi di competenze previsti per il loro percorso di studio. In Italia questi studenti, nel 2019, sono stati il 7%. Un dato che, se di va a sommare con quello della dispersione esplicita che l’Invalsi dichiara intorno al 14%, supererebbe il 20%. Un giovane ogni 5. È quanto emerge da L’editoriale di Roberto Ricci, responsabile delle prove Invalsi, “La dispersione scolastica implicita”.

Un dato allarmante che, se visto in prospettiva regionale assume proporzioni ancora più preoccupanti. Ancora una volta, sotto questo aspetto, il Paese risulta spaccato in tre parti e solo il Veneto e la provincia autonoma di Trento riescono a mantenere la quota dei dispersi totali al di sotto, o molto vicina al 10% dei giovani, raggiungendo così l’obiettivo posto dall’Unione Europea del 2020. In tutto il resto del Centro – Nord la quota di dispersi oscilla tra il 15 e il 20% per arrivare nel Mezzogiorno a toccare punte di oltre il 37%.

Per esempio, fatta la somma percentuale dei dispersi espliciti ed impliciti, secondo l’Invalsi in Campania si raggiungerebbero tassi di dispersione pari al 31.9%, in Calabria al 33,1%, in Sicilia al 37% e in Sardegna la 37,4%.  In pratica 1 ragazzo su 3 in tra i 18 e i 24 anni in Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna non possiede le competenze di base che gli permetterebbero di comprendere un testo ed effettuare semplici calcoli. Per non parlare della lingua inglese o dell’esercizio del diritto di cittadinanza come si intende oggi.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Invalsi. La doppia faccia della dispersione ultima modifica: 2019-10-09T04:45:35+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Coronavirus, viaggi di istruzione: diritto recesso e rimborsi

Orizzonte Scuola, 26.2.2020 - Pubblicato, come riferito, il DPCM  del 25 febbraio 2020, recante misure…

12 minuti fa

Pensione, arriva il cedolino su web spiega-tutto

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 26.2.2020 - Arriva un nuovo servizio Inps: è il…

4 ore fa

Concorso straordinario: legittima la mancata equiparazione tra servizio svolto presso le scuole paritarie e statali

di Rosalba Sblendorio, Reti di Giustizia, 25.2.2020 - Con sentenza n. 45 del 15 gennaio 2020 il…

4 ore fa

L’insegnante specializzato nella scuola dell’inclusione

di Giovanni Maffullo,  Superando, 25.2.2020 - «Nel corso di venticinque anni – scrive Giovanni Maffullo, insegnante…

5 ore fa

Didattica inclusiva ed esclusione sociale. Analisi di un paradosso

di Carlo Scognamiglio,  Roars, 25.2.2020 1. Con una nota del 3 aprile scorso il Ministero dell’Istruzione…

5 ore fa

«Scuola, basta bufale sui social Lezioni perse? Le faremo online»

 Leggo, 25.2.2020 - Lucia Azzolina, ministro dell'Istruzione: negli ultimi giorni ha dovuto smentire più volte…

5 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy