La “buona scuola” della Lega

di Giantomaso De Matteis, la Repubblica di Napoli, 10.2.2019

– Il commento: le parole del ministro Bussetti e l’antimeridionalismo leghista.

No. Non sono solo le parole, che pure sono pietre.
Bisogna guardarlo il viso del ministro dell’Istruzione, il leghista Marco Bussetti da Gallarate, classe ’62, diploma di Educazione fisica e laurea specialistica in Scienze e tecniche delle Attività motorie. È necessario osservarlo quel viso impresso nella video-intervista che ha fatto gridare allo scandalo.

E accompagnarlo con le parole: «Al Sud, dico: non vi servono solo più fondi, che non mancheranno, dovete credere di più in voi stessi.
Nelle vostre eccellenze. Lavoro, sacrifici, impegno, lavoro e sacrifici». Quel refrain Bussetti lo ripete durante la missione a Caivano e Afragola mentre contrae il viso, modula la mascella e fissa l’interlocutore con aria arcigna. Mancava solo il dito del j’accuse al Sud piagnone e sfaticato, senza meriti. Il ministro-prof di Educazione fisica ordina di fare flessioni e ancora flessioni, per punizione. E di saltare la cavallina, più in alto. E giù una valanga di critiche alle sue dichiarazioni. Perfino il vicepremier M5s, alleato della Lega, Luigi Di Maio le bolla come «fesserie»: «Chieda scusa». Il coordinatore regionale della Lega campana Gianluca Cantalamessa invece lo difende e dice che il «Sud è grato» al ministro-professore.

Suggeriamo a Cantalamessa di istituire un corso nella neonata Scuola di formazione politica della Lega inaugurata a Napoli: cominciando a leggere Gaetano Salvemini e Giustino Fortunato. È lavoro, impegno e sacrificio anche questo.

.

.

.

.

.

La “buona scuola” della Lega ultima modifica: 2019-02-10T17:05:40+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl